Svelati i premi del "Trittico di Chiusura"!

Sono gli Occhiali NRC S5 YD ed S5 RD i premi in palio per la classifica finale del Trittico di Chiusura 2018!

Proprio così, come promesso non si bada a spese e per il Trittico di Chiusura saranno questi i premi per i primi 3 classificati di categoria che avranno partecipato a entrambe le prove in calendario.

Occhiali del valore di oltre 60 euro, più del doppio della somma delle quote di iscrizione alle gare di Osasio di sabato 20 ottobre e Foresto di Caramagna del 28 ottobre.

E che si andranno a sommare alla consueta premiazione di ogni singola gara, per concludere la stagione in bellezza!

 

 

 

Gli occhiali sono già pronti, confidiamo nel meteo, e vi aspettiamo numerosi!

Walter Pacchiardo e Michele Bausardo conquistano il G.P. Dedonato

Leonardo Donati (Redil Cicli Matergia), Riccardo Rinaldi (Rodman Azimut Squadra Corse), Ivan Cesarin (Redil Cicli Matergia), Bruno Dellerba (As Ciclismo), Diego Dall’Osto (A.P.D. Pessionese), Giuseppe Castello (Rodman Azimut Squadra Corse) e Mario Zuin (Redil Cicli Matergia) sono i nuovi Campioni Provinciali Csain 1^ serie

Finalmente una domenica di sole accoglie nella piazza di La Cassa i ciclisti pervenuti per disputare il G.P. Dedonato. Rinviata dalla primavera a causa del maltempo, che in queste zone si traduce in pioggia certa, alla terza edizione è finalmente un disco arancione che sorge nel cielo di zaffiro per dare il benvenuto all’ultima prova del Campionato Provinciale 1^ serie Csain.

Il circuito è di quelli impegnativi: un anello lungo 17 chilometri ondulato che da La Cassa scende a San Gillio per transitare verso Brione e risalire a Givoletto e nuovamente ai 374 di altitudine di La Cassa.

Un centinaio i partecipanti, ma il numero non rende l’idea delle forze in campo: in griglia di partenza si possono scorgere le maglie di Olga Cappiello, recente vincitrice dei due titoli iridati al Campionato Mondiale Amatori di Varese, di Bruno Sanetti, due volte campione mondiale dei Vigili del Fuoco, Fulvio Magnaldi, campione italiano granfondo in carica, ed i più forti  tra gli amatori della provincia torinese.

I giovani dopo un primo giro di studio del percorso e degli avversari iniziano la bagarre con dei tentativi di fuga che spaccano il gruppo: i battistrada sono numerosi e riescono ad aumentare il vantaggio in modo consistente per non essere ripresi dagli inseguitori. L’ultima salita è il teatro degli attacchi decisivi, sul traguardo è il portacolori della Ciadit Walter Pacchiardo a trionfare davanti a Lorenzo Alladio e Fabrizio Zanetti, mentre ai piedi del podio si classifica Riccardo Rinaldi della Rodman Azimut Squadra Corse, che si laurea Campione Provinciale. Come sempre egregia la prestazione del Debuttante della Redil Cicli Matergia Leonardo Donati, che ancora una volta è attivo nel gruppo e conquista con onore il titolo provinciale.

Anche per i gentlemen il primo giro è di reciproco studio, al secondo passaggio in sei tentano l’allungo ma il gruppo reagisce prontamente. Quando i fuggitivi sono nel mirino in quattro evadono: sono Gianmarco Guglielmino, Michele Bausardo, Angelo Maruca e Guido Ragazzini. La reazione alle loro spalle è lenta e i quattro riescono ad allungare e con tenacia conquistano sempre più vantaggio mentre il gruppo alle loro spalle si spezza nel tentativo di ricucire lo strappo. All’ultimo giro Fulvio Magnaldi e Massimo Bosticco si lanciano all’inseguimento ma ormai i giochi sono fatti: all’ultima salita i crampi escludono Guglielmino dalla lotta per il podio dopo una gara generosa, la volata è vinta da Michele Bausardo su Angelo Maruca e poco dietro taglia il traguardo Guido Ragazzini. Quarto posto meriratissimo per Guglielmino che conclude la sua gara davanti a Fulvio Magnaldi e Massimo Bosticco.

Finita la corsa sotto il porticato antistante il Niki’s Café un rinfresco luculliano attende i partecipanti, tanto abbondante che i presenti non riescono a mangiare tutto, e ben presto iniziano le premiazioni. Con una miss d’eccezione vengono consegnate le maglie ai Campioni Provinciali Csain tra gli applausi generali e foto di rito: sono Leonardo Donati (Redil Cicli Matergia), Riccardo Rinaldi (Rodman Azimut Squadra Corse), Ivan Cesarin (Redil Cicli Matergia), Bruno Dellerba (As Ciclismo), Diego Dall’Osto (A.P.D. Pessionese), Giuseppe Castello (Rodman Azimut Squadra Corse) e Mario Zuin (Redil Cicli Matergia).

 

 Si procede quindi con la premiazione: ai primi cinque di categoria materiale tecnico offerto da Cicli Dedonato di Corso Regina Margherita, e a consegnarlo insieme alla miss Elisa il presidente Antonio Dedonato.

Download
Classifica La Cassa 23 settembre.pdf
Documento Adobe Acrobat 581.0 KB
Download
Classifica Finale 1 serie.pdf
Documento Adobe Acrobat 658.1 KB

Pacchiardo e Ferracin sugli scudi a Pessione

Pessione (Chieri) - Giovedì 11 ottobre la “corsa reale”, la 102° edizione del Gran Piemonte by NamedSport che prenderà il via a Racconigi per concludersi a Stupinigi, transiterà a Pessione, località in cui ha sede dal 1864 lo storico stabilimento della Martini & Rossi, multinazionale attiva principalmente nella produzione e distribuzione di bevande, celebre per il marchio Martini e le sponsorizzazioni sportive e culturali.

Sabato scorso intanto, questo centro alle porte di Chieri ha ospitato il Memorial Beppe Barbero, manifestazione ciclistica riservata alle categorie amatoriali che insieme al Memorial  Barosso in programma ogni anno a maggio, entrambi organizzati dall’A.P.D. Pessionese guidata dall’esperto presidente Mauro Natta, è uno degli eventi sportivi entrato a far parte della storia, cultura e tradizione della comunità pessionese e del ciclismo amatoriale piemontese.

Location dell’evento l’Oratorio di Pessione, autentico centro ricreativo del paese che offre l’opportunità di svolgere attività sportiva e organizza diversi eventi che coinvolgono la comunità locale. Ben 210 i ciclisti che hanno danno vita alle due partenze e si sono misurati lungo un circuito pianeggiante di 21 chilometri da ripetere tre volte prima di far ritorno a Pessione per l’arrivo.

Walter Pacchiardo (Ciadit Cicli Sumin) che si impone in volata nella partenza dei più giovani, ricostruisce le fasi salienti della gara. “E’ stata una gara veloce sin dai primi chilometri, numerosi tentativi di fuga ma con tanti corridori forti è stato difficile promuovere l’azione risolutiva. Durante il secondo giro allungano Andrea Natali (Sanetti Sport) e Federico Fissore (Ciadit Cicli Sumin). La loro azione si protrae per diversi chilometri, anche se non riescono a conquistare un vantaggio che permetta loro di pensare al successo finale. Alla fine della seconda tornata Bruno Sanetti, campione del mondo strada e cronometro Vigili del Fuoco, e Denis Sosnovchenko (Progetto Ciclismo Santena) allungano, frazionando il gruppo. In testa intanto si è formato un drappello forte di diverse unità, tra cui sono riuscito ad entrare anche io e abbiamo trovato subito l’accordo per dividerci il peso della fuga. A cinque chilometri dal traguardo, coloro che non possono difendere le possibilità di successo in volata, provano l’azione da finisseur, cercando di anticipare l’epilogo in volata. Il mio compagno di squadra Diego Casali è tra i più attivi a chiudere il gap su coloro che tentavano la fuga. Questa lunga serie di scatti determina una sensibile diminuzione della velocità del drappello di testa e quando mancano ormai due chilometri al traguardo, Carlevero trascina il gruppo al ricongiungimento. Nel finale lo stesso Carlevero, Nervo, Sanetti provano l’allungo vincente, così come Allois che ai settecento metri finali riesce a conquistare qualche metro di vantaggio. La reazione del gruppo non si fa attendere e il portacolori della Pessionese è raggiunto. La volata finale viene lanciata da Mostaccioli, forse troppo presto per lui, ma giusto in tempo per superare Allois. Mi lancio anche io alle loro spalle, riesco a superare Sosnovshcenko negli ultimi cento metri e vincere questa bellissima gara. Da sottolineare anche il lavoro dei miei compagno di squadra Fissore e Lenza che nel finale mi hanno tenuto coperto per risparmiare energia fondamentali in volata”.

Nella seconda partenza si impone Dario Ferracin (Vigor Cycling Team) che in volata riesce a piegare la resistenza di Gianluca Bosio (Costante Girardengo) e Placido Caraci (Zibido San Giocomo). La volata dei immediati inseguitori è vinta da Michele Bausardo (Mikebau).

 

La ricca premiazione finale predisposta dalla società Pessionese del presidente Mauro Natta ha chiuso una bellissima giornata di sport dedicata alla memoria di Beppe Barbero

Mario Ruo Rui e Flavio Rastello si impongono a Casanova!

L’abbazia di Casanova, una delle prime chiese cistercensi del Piemonte fondata nel 1150 grazie alla donazione dei primi marchesi di Saluzzo, cui seguirono numerose altre tanto che nel XV secolo Casanova era diventato un importante punto di riferimento per la vita religiosa e politica del Piemonte.

Analogamente in questi ultimi anni l’abbazia di Casanova è diventato un punto di riferimento per l’attività ciclistica amatoriale piemontese grazie alla sua posizione facilmente raggiungibile ed ai percorsi che qui si intrecciano, ospitando nei mesi estivi numerose competizioni. E qui domenica 16 settembre, mentre nella parte nord della provincia torinese la pioggia infuria, gli organizzatori ed i primi ciclisti sopraggiunti per l’ultimo appuntamento della stagione riservata alla seconda serie qui all’abbazia vedono sorgere un sole rosso solo parzialmente celato dalle nuvole.

Il percorso leggermente ondulato è quello noto con il nome di “gianin”, lo si affronterà tre volte per un totale di 63 chilometri di gara prima di riprendere il lungo rettilineo in leggera ascesa che conduce al traguardo, il tutto presidiato dalla protezione civile, dalla polizia locale di Poirino e da pattuglie di Carabinieri per la tutela della sicurezza lungo la strada. Due le partenze, divise per fasce come consueto. Tra i giovani fin dai primissimi chilometri si scatena la bagarre con continui scatti e tentativi di fuga che si concretizzano a metà del secondo giro con una fuga a 12 ben assortita, destinata ad aver successo. Il gruppo non è abbastanza reattivo, si allunga molto nell’inseguimento ma i battistrada non concedono spazio e si portano compatti sul rettilineo finale. Il pubblico nella zona transennata incita e applaude, dalla leggera curva spuntano in quattro sui quali si impone con una falcata imponente il portacolori del Tredici Team Mario Ruo Rui davanti al Pessionese Davide Allois, a Luca Zavattero e a Marco Scotto Lachianca.

Anche tra i gentlemen la fuga prende presto il largo: già al primo giro transitano in cinque al comando con un discreto vantaggio sul gruppo. Sono Mauro Sedici, Silvio Donati, Claudio Peroglio, Flavio Rastelli e Giuseppe Dell’Atti. Il gruppo cerca di reagire, si allunga e si sfalda nel tentativo di colmare il vuoto ma a nulla valgono gli sforzi ed i fuggitivi mantengono il distacco. La volata è lunghissima, con una progressione inarrestabile Flavio Rastello va a conquistare il traguardo a braccia alzate davanti a Silvio Donati, a qualche metro di distanza concludono la loro gara anche Mauro Sedici, Claudio Peroglio e Giuseppe Dell’Atti.

Breve il tempo per la compilazione delle classifiche e si passa quasi subito alle premiazioni per categoria con i tradizionali cesti. La domenica è giovane, abbiamo il tempo per un breve aperitivo al Bar dell’Abbazia prima di rincasare in tempo per il pranzo, soddisfatti dalla bella mattinata sportiva.

Eugenio Bertolini e Daniel Altare sugli scudi a Murello!

A Busano premiati i Campioni Provinciali Seconda serie!

Leonardo Donati (Redil Cicli Matergia), Alessandro Gazzoni (Tredici Team), Andrea Baroetto (Tredici Team), Valentino Gendusa (La Mattanza), Valerio Rietto (Team Poirinese), Massimiliano Poli (La Mattanza), Salvatore Ciliberti (Cicli Dedonato Road Runners), Giuseppe Castello (Rodman Azimut Squadra Corse), Piero Negro (A.P.D. Pessionese) e Salvatore Merenda (Redil Cicli Matergia) sono i Campioni Provinciali 2^ serie 2018!

 

La pioggia infrasettimanale ha finalmente abbassato le temperature ed in questo secondo sabato di settembre l'aria frizzante ed il cielo terso sono un invito ad inforcare l'amata due ruote e lasciarsi andare alla passione sportiva.

Ecco che presso il Ristorante la Rocchetta di Busano ancora prima del ritrovo sfilano i ciclisti pronti ad iscriversi all'ultima gara della stagione che prende il via dalla sede della A.S.D. La Compagnia dei Ciclisti, valida come ultima prova del Campionato Provinciale 2^ serie.

E' l'ultima di sei prove, un campionato circoscritto per permettere a quanti lo hanno iniziato di terminarlo anche se durante a stagione sono passati in prima serie, senza per questo compromettere l'intera stagione di chi invece non ha avuto la fortuna di fare il numero di vittorie e piazzamenti necessari.

Un campionato combattuto, che in questi sei giri del circuito della favriasca che verranno affrontati con la gara odierna vedrà la battaglia per la conquista dei punti necessari alla vittoria del campionato in molte categorie.

La partenza alle 14, due i gruppi che prendono il via equilibrati per numero di partecipanti: ed è subito bagarre.

Già nei primi chilometri iniziano i tentativi di fuga, tra i protagonisti spiccano le divise rosse del Tredici Team ,che deve difendere la prima posizione in campionato in ben due categorie, e le divise nere e blu della Eaton di Carmelo Amore, mentre i portacolori de La Mattanza e del Team Poirinese controllano gli avversari diretti in classifica generale. Le trainate e gli scatti finiscono per spezzare il gruppo in due grossi tronconi: sul rettilineo finale la volata ristretta è vinta dalle lunghe leve di Mario Ruo Rui del Tredici Team (che però non scavalca in classifica generale il compagno di squadra e tricolore Alessandro Gazzoni, n.d.r.) davanti a Massimo Perracchione della Redil Cicli Matergia e Davide Allois della A.P.D. Pessionese. Poco dietro, in undicesima posizione, taglia il traguardo il debuttante della Redil Cicli Matergia Leonardo Donati, le cui doti ciclistiche fanno presagire grandi battaglie negli anni a venire crescendo con le categorie.

Anche il gruppo della seconda fascia finisce con lo spezzarsi in diversi gruppi: quando al comando sono circa una ventina si muovono in accordo e dietro tardano a reagire, la gara è decisa. Al comando iniziano le scaramucce ma i ritardatari non riescono a reagire abbastanza da recuperare e continuano a controllarsi perdendo terreno. La volata è lunga, all’ultima curva Rodolfo Bet della Cicli Dedonato Road Runners anticipa gli avversari e con uno scatto inarrivabile conquista il traguardo a braccia alzate davanti a Marco Polini della A.S.D. Amici Comaschi e Daniele Bacchiega della Cicli Dedonato Road Runners.

Terminata la gara giusto il tempo di stilare le classifiche: si inizia con la vestizione delle Maglie di Campione Provinciale 2^ serie consegnate dalla Coadiutrice Nazionale Csain Ciclismo Elisa Zoggia e dalla miss d’onore Erika Forti, sempre presente nello staff tecnico torinese e insieme alla sorella Katia spesso presente alle premiazioni. Due le maglie conquistate rispettivamente da Redil Cicli Matergia, Tredici Team e La Mattanza, una per A.P.D. Pessionese, Rodman Azimut Squadra Corse, Cicli Dedonato Road Runners e Team Poirinese: una distribuzione che da l’idea della combattività che abbiamo visto e di cui abbiamo goduto lungo questo campionato. Foto di rito e molti applausi accolgono i campioni prima di procedere con la premiazione di giornata.

 

Ma la festa non è ancora finita: Fabio Maestrini, vicepresidente de La Mattanza, ha portato una bellissima e buonissima torta per festeggiare le maglie conquistate e con un buon spumante si brinda tutti insieme ai successi stagionali dei ciclisti della Mattanza! 

 

01/09: Mirko Vieta e Claudio Peroglio sul traguardo di Osasio!

25/08: Riccardo Rinaldi e Gianluca Cireddu vittoriosi a Busano

Sabato 25 agosto, a Busano il cielo è nuvoloso ma non piovoso e le temperature fresche invitano ad uscire di casa. Qui il Campionato Provinciale Csain Torino riprende dopo la pausa estiva con la quinta prova, il classico ritrovo al Ristorante La Rocchetta per affrontare il circuito della favriasca, con le previsioni meteo che hanno promesso piovaschi solo in serata e due gruppi equilibrati a prendere il via.

Ma l’imprevisto è sempre in agguato: mentre tra i giovani prende corpo una fuga destinata ad avere un buon esito, al terzo giro del circuito un furgone, transitando alcuni minuti prima che la gara arrivi, perde una lastra di vetro che esplode riempiendo la carreggiata di frammenti. Prontamente l’organizzazione, ramazze alla mano, ripulisce la carreggiata per quanto possibile, scongiurando il rischio di forature e permettendo la prosecuzione senza intralci.

Ma la corsa è ancora lunga ed i tuoni si avvicinano minacciosi: all’inizio del quinto giro si scatena la pioggia, che ben presto aumenta di intensità costringendo la direzione di corsa, per la quale l’incolumità dei partecipanti ha la precedenza assoluta, a prendere la sofferta decisione di accorciare di un giro la gara facendo avvertire il gruppo dalle scorte tecniche. E all’ultima rotonda una caduta di due ciclisti in fuga, causata dalla poca aderenza del manto stradale bagnato ma per fortuna senza conseguenze per gli sfortunati, conferma la bontà della scelta.

Sul traguardo è il portacolori della Rodman Azimut Squadra Corse Riccardo Rinaldi a tagliare il traguardo a braccia alzate davanti a Tommaso Boccardo del Team Poirinese e Giuseppe Finotto del Team Bike Pancalieri. Dopo essersi rialzato dalla caduta che lo ha tolto dai giochi per la vittoria Davide Caresio taglia il traguardo in quinta posizione prima dell’arrivo del gruppo.

Il duello tra i Debuttanti è vinto dall’alfiere della Redil Cicli Matergia Leonardo Donati davanti a Marco Quadrelli della Mobili Bono Santhià.

Completamente frazionato il gruppo dei gentlemen: l’arrivo in volata dei fuggitivi è vinto da Gianluca Cireddu della Cicli Dedonato Road Runners davanti a Mauro Perucca (Team Bike Pancalieri). Distanziato di qualche metro completa il podio Angelo Maruca (Team Cycling Center).

Il breve tempo per stilare le classifiche e il temporale lascia spazio ad un raggio di sole che illumina le premiazioni fatte di cesti composti su vassoi in ardesia, prodotti di marca e buon vino.

Si è concluso a Godiasco il Trofeo dello Scalatore 2018

Godiasco, lo storico comune del pavese la cui storia è strettamente legata al ramo più fiorente dei marchesi Malaspina, è la sede di una delle associazioni organizzativamente più attive della provincia: il Pedale Godiaschese. Tra le molteplici attività cui questa orgogliosa organizzazione ha dato vita sotto l’egida Csain Ciclismo, anche grazie all’opera delle ormai celebri Pedaline, spiccano la collaborazione con l’organizzazione della Granfondo Valli d’Oltrepo e l’organizzazione di ben cinque prove del Trofeo dello Scalatore Csain, che trova conclusione proprio qui a Godiasco in questo sabato 25 agosto.

E’ la decima edizione della cronoscalata Godiasco Alta Collina, nono Memorial Luigi Dallacqua, a concludere il Trofeo dello Scalatore che in questa stagione 2018 ha visto la collaborazione con la vicina provincia di Piacenza dando vita a un campionato lungo ben 9 prove, ottenendo molti consensi dagli amanti della specialità, che hanno onorato uno dopo l’altro ogni appuntamento dandosi battaglia sul filo dei secondi. Quella da affrontare in questo ultimo sabato di agosto è una salita lunga quasi tre chilometri e mezzo da affrontare tutta d’un fiato per coprire il dislivello di 185 metri, una pendenza media del 5,2% che se potesse sembrar poco tocca punte del 9%.

I minuti trascorrono inesorabili, i primi a cimentarsi nella prova fermano il cronometro con tempi che si aggirano sugli 8 minuti e 30 secondi, ma le sorprese devono ancora arrivare: con il pettorale 11 Marco Previde Massara conquista la vetta della classifica provvisoria registrando un ottimo tempo di 8 minuti e 15 secondi, battuto dopo poco dal portacolori del Varzi Mauro Bonamici che migliora di 1 secondo il tempo dell’avversario. Ma è Fabrizio Pellizzoni dello Staffora Triathlon a sorprendere tutti infrangendo il muro degli 8 minuti e concludendo la sua gara in 7 minuti e 59 secondi tra gli applausi del pubblico.

L’impegno di Giovanni Ottonello (Zena Bike) che sale in 8 minuti e 3 secondi e di Lorenzo Alladio (N.S.S.V. 1794) che conclude in 8 minuti e 5 secondi non vale la vittoria di giornata: i due salgono rispettivamente sul secondo e terzo gradino del podio, determinando comunque la loro vittoria di categoria del Trofeo dello Scalatore.

Nonostante le nubi che incombono anche l’ultimo partecipante può concludere la sua prova all’asciutto, ma poco dopo il temporale si scatena: il ricco ristoro si svolge sotto il gazebo del Pedale Godiaschese mentre vengono allestite le premiazioni.

Presenti per consegnare le maglie ai vincitori del Trofeo il Coadiutore Nazionale Csain Ciclismo Renato Pera e il delegato Provinciale di Pavia Luigi Mantovani, che con brevi discorsi ringraziano tutti i partecipanti e tutte le associazioni che si sono messe in gioco dando vita a un campionato combattuto e vivo.

Consegnano quindi le maglie ai vincitori di ogni categoria: per gli Junior Giovanni Ottonello (Zena Bike), Senior 1 Lorenzo Alladio (NSSV 1794), Senior 2 Rocco Cavalli (La Orsi Bike), Veterani 1 Cristian Negri (G.C. Varzi), Veterani 2 Nicolò Franco (Team Finotti), Gentlemen 1 Mauro Bonamici (G.C. Varzi), Gentlemen 2 Paolo Bianchi (G.C. Varzi), Supergentlemen A Claudio Brizzolari (Team Raschiani), Supergentlemen B Giulio Costi (Ali Dorate), Donne Anna Loconte (Team Finotti).

“ L’Asd Pedale Godiaschese ringrazia tutti i partecipanti che hanno valorizzato il Challenge” afferma il presidente Gianni Daglia “e il comitato provinciale oltre alle altre Asd organizzatrici. Vogliamo rinnovare l’appuntamento alla prossima edizione, per la quale stiamo già lavorando e valutando alcune novità”

“Il Trofeo dello Scalatore 2018 è stato un successo” gli fa eco Luigi Mantovani “ con una buona affluenza di partecipanti ad ogni prova e la collaborazione positiva con il Comitato Csain di Piacenza che è culminata nella presenza del collega Renato Pera alla prova odierna. Siamo molto soddisfatti e compiaciuti del clima frizzante che si respira e che viene evidenziato anche nelle novità che gli organizzatori cercano di proporre, come la crono gimkana realizzata dal Pedale Godiaschese. Il nostro augurio è che il circuito continui a crescere con la stessa energia anche nella prossima stagione”.

Assegnati a Carignano i titoli Regionali Strada!

Eccoli i campioni Regionali del Piemonte incoronati domenica 15 luglio a Carignano, al termine di una gara molto combattuta sotto il caldo sole di luglio.

E’ la nebbia che ci sveglia in questa domenica di metà luglio, mentre ci dirigiamo verso una delle più antiche città del torinese, Carignano, dove si svolgerà la gara valida come seconda prova del Campionato Regionale e quarta prova del Campionato Provinciale Strada.

Lo staff del presidente Nicola Di Noia è già all’opera: proteggere il percorso che dopo aver transitato sulle ampie strade che conducono a Vinovo passa nel centro di Carignano è  un’impresa importante che richiede una trentina di volontari a piedi nei 16 km di circuito, oltre alle immancabili Scorte Tecniche in moto ed in auto, alla Polizia Municipale e ai Carabinieri che quest’anno sono spesso presenti alle nostre gare.

Alla partenza i nomi più noti del settore, le forze in campo sono di quelle che promettono una gara intensa e combattuta, talenti provenienti da tutto il Piemonte e dalla vicina Liguria. Dal primo giro partono i tentativi di fuga e la velocità è altissima: il gruppo è allungato e non manca chi a causa anche del caldo si ritira. Il passaggio nella piazza centrale di Carignano è una festa con gli abitanti che acclamano i corridori ed infondono nuove energie ad ogni passaggio, ma il gruppo dei giovani non riesce a colmare il vantaggio acquisito dal gruppo dei fuggitivi. Sul traguardo è Davide Caresio (Pedalando in Langa) a trionfare a braccia alzate davanti al novarese Simone Omarini (Agrate Conturbia) che conquista il titolo regionale. Tra i gentlemen il successo va a Dario Ferracin (Vigor) davanti a Stefano Carbone e Michele Bausardo.

Terminata la gara le classifiche sono presto stilate mentre Antonella Vascetta, titolare della Parafarmacia Del Borgo, che ci seguirà per tutto il mese di settembre con i prodotti della Named in promozione per i partecipanti alle nostre corse, regala ai presenti un assaggio dei sali Named per recuperare le energie prima di passare alle premiazioni.

Il Responsabile Regionale Csain Ciclismo Cesare Vecchio da il via alla cerimonia di vestizione delle maglie di Campione con un breve discorso di ringraziamento, e poi chiama ad uno ad uno tutti i campioni mentre la Coadiutrice Nazionale Elisa Zoggia le consegna e insieme presiedono alle foto di rito insieme all’organizzatore Nicola Di Noia. Si passa quindi alla premiazione di giornata con buste ricche di prodotti alimentari e buoni spesa del valore di 50€ per i vincitori assoluti delle due partenze.

Campioni Regionali Seconda Serie

Deb                       Donati Leonardo                             Redil Cicli Matergia

Jun                        Gazzoni Alessandro                       Tredici Team

Sen1                     Domini Gabriele                              A.P.D. Pessionese

Sen2                     Pastore Marco                                 Agrate Conturbia

Vet1                      Remondino Andrea                       A.P.D. Pessionese

Vet2                      Sparano Emilio                                 Agrate Conturbia

Gen1                    Omarini Antonio                             Agrate Conturbia

Gen2                    Castello Giuseppe                          Rodman Azimut Squadra Corse

SgA                        Zuin Mario                                         Redil Cicli Matergia

SgB                        Fraccaro Antonio                            Agrate Conturbia

Donne                  Cantamessa Simonetta                                Agrate Conturbia

Campioni Regionali Prima Serie

Jun                        Omarini Simone                              Agrate Conturbia

Sen1                     Allois Davide                                     A.P.D. Pessionese

Vet1                      Tinello Fabio                                     Agrate Conturbia

Vet2                      Dellerba Bruno                                As Ciclismo

Gen1                    Dall’Osto Diego                                               A.P.D. Pessionese

SgB                        Cerri Mario                                        Agrate Conturbia

Zanetti e Minucciani sul traguardo di Carignano

Finalmente è il sole a dare la sveglia in questa domenica di giugno, ricordandoci con forza che l’estate è alle porte. A Carignano il team del Presidente Nicola Di Noia è in fermento dalle prime ore del mattino per apportare gli ultimi dettagli all’accoglienza dei ciclisti che disputeranno la Terza Prova del Campionato Provinciale 2^ serie 2018.

Il percorso, privo di asperità ma non per questo banale, prevede il transito dalla piazza centrale di Carignano, dove a ogni giro il gruppo viene salutato da numerosi appassionati sportivi, per poi dirigere verso Vinovo e la borgata Tetti Brassi, 5 i giri da affrontare per un totale di 78 chilometri.
Si parte subito forte, come si suol dire la gara la fanno i ciclisti ed oggi sembrano proprio agguerriti.

I tentativi di fuga si susseguono: al primo giro Eugenio Bertolini (Arredamenti Berutti) tenta l’allungo ma dopo pochi chilometri viene riassorbito.

E’ sempre la piazza centrale di Carignano il teatro dei tentativi di fuga: al quarto giro tra i giovani il portacolori del Team Poirinese Matteo Bruno scatta, alle sue spalle Paolo Rostagno reagisce prontamente e si lancia all’inseguimento. Tra i gentlemen, sempre al quarto giro, è Ignazio Piovero (Sc Piossasco) a tentare l’allungo, ma il gruppo si lancia immediatamente all’inseguimento presentandosi allungato alle rotonde in uscita dal paese.

Negli ultimi chilometri i giovani riassorbono i due in fuga, i rettilinei sono troppo lunghi perché un tentativo a due possa andare in porto, e così sul tratto finale il plotone si presenta a ranghi compatti: la volata è lunga, sulla linea del traguardo è Fabrizio Zanetti a vincere davanti a Luca Zavattero e Mario Ruo Rui (Tredici Team Mtb Presibene).

Anche i Gentlemen entrano in paese a gruppo compatto, ma con uno scatto felino Vittorio Minucciani prende quel piccolo vantaggio sufficiente a vincere a braccia alzate seguito da Alberto Limone e Daniele Bestetti.

Terminata la gara l’attesa per le classifiche è fin troppo breve (qualcuno tarda a ritirare il premio prendendosela comoda a cambiarsi), il presidente Nicola Di Noia prende la parola per ringraziare tutti i volontari che hanno permesso lo svolgimento della gara e tutti i partecipanti, poi procede con la premiazione: per i vincitori assoluti delle due gare, il debuttante e la donna consegna dei buoni spesa da 50€ oltre alla borsa di prodotti gastronomici, e poi premi per i primi 5 di ogni categoria.

 

“Siamo soddisfatti della buona riuscita della manifestazione” dichiara Nicola “tutti si sono divertiti e questo è il nostro primo obiettivo. Inoltre il comune di Carignano, che ringraziamo per la presenza in forza dei Vigili a controllare i tratti più impegnativi, ci ha garantito che entro luglio verrà asfaltato il tratto di ingresso che al momento è un po’ deteriorato. I lavori erano già in programma ma il maltempo ne ha impedito lo svolgimento. A nome dell’A.S.D. Carignano Bike ci tengo a ringraziare tutti i partecipanti e a dare l’appuntamento per la gara di prima serie domenica 15 luglio”.

Download
Classifica Carignano Prima Partenza.pdf
Documento Adobe Acrobat 108.9 KB
Download
Classifica Carignano Seconda Partenza.pd
Documento Adobe Acrobat 108.4 KB

Ecco i Campioni Nazionali Csain 2^ serie!

Eccoli i Campioni Nazionali 2^ serie Csain che hanno conquistato la maglia oggi a Busano nella gara splendidamente organizzata dalla Redil Cicli Matergia, la squadra del presidente Tonino Matergia.
Ad ognuno di loro la maglia, i fiori e una bottiglia di Astoria dedicata al Giro D'Italia 2018!
Debuttanti           Donati Leonardo (Redil Cicli Matergia)
Donne                 Boetto Monia (Rodman Azimut Squadra Corse)
Junior                 Gazzoni Alessandro (Tredici Team - Mtb Presibene)
Senior 1             Togni Federico (Tredici Team - Mtb Presibene)
Senior 2             Zanetti Simone (Team Bike Tartaggia)
Veterani 1          Bruno Matteo (Team Poirinese)
Veterani 2          Rostagno Paolo (Redil Cicli Matergia)
Gentlemen 1     Bet Rodolfo (Cicli Dedonato Road Runners)
Gentlemen 2     Moretti Marco (Cicli Dedonato Road Runners)
SuperGentlemen A       Zuin Mario (Redil Cicli Matergia)
Download
cLASSIFICA CAMPIONATO NAZIONALE.pdf
Documento Adobe Acrobat 558.3 KB

Tommaso Boccardo trionfa sul traguardo dei Ceretti

L’estate sembra finalmente esser sbocciata in tutta la sua forza in questo weekend di metà aprile, le piogge che fino a pochi giorni prima imperversavano sul Piemonte hanno lasciato spazio ad un sole cocente che riporta improvvisamente le temperature vicino ai 30 gradi.

E così la seconda prova del Giro del Canavese, che l’anno scorso ha incoronato gli eroi sotto la pioggia e temperature rigide, in questo 16 giugno 2018 verrà affrontato nell’afa del caldo estivo.

Il Giro del Canavese, quattro tappe organizzate sotto egida Csain Ciclismo per celebrare il territorio che ha dato i natali a campioni del calibro di Franco Balmanion e ha regalato tantissime emozioni al grande ciclismo, con una classifica generale che premia i vincitori di ogni categoria con la maglia rosa, oggi si trova a Ceretti di Front.

Il percorso è impegnativo, un circuito di 13 chilometri e mezzo da percorrere cinque volte per un totale di quasi 68 chilometri, con una salita da ripetere che spezza il fiato e mette alla prova la resistenza. E un’imponente dispiegamento di forze: oltre venti volontari della protezione civile in appoggio alle Scorte Tecniche garantiscono il controllo del traffico, con la supervisione sempre gradita di due pattuglie dei Carabinieri. Certamente non il solito piattone, una gara in cui mettersi alla prova e tentare le imprese.

Gara impegnativa sin dal primo giro, il terreno per dar battaglia non manca: al secondo giro parte una fuga a 6, il gruppo sottovaluta la situazione e il ritardo nella reazione costerà cara. I battistrada prendono un vantaggio rassicurante e vanno a giocarsi la vittoria: all’ultima salita Riccardo Rinaldi (Rodman Azimut Squadra Corse) e Tommaso Boccardo (Team Poirinese) con uno scatto sorprendono i compagni di fuga, è un duello combattuto ma a un centinaio di metri dal traguardo il portacolori della Rodman rompe la ruota e Tommaso Boccardo va a festeggiare la meritata vittoria a braccia alzate. Rinaldi non si arrende, si rialza, bici in spalla e corre verso il traguardo ma i compagni di fuga lo raggiungono e chiude al quinto posto, con un applauso generale alla combattività , dietro a Lorenzo Balducci Gaetano Bologna (Cicli Dedonato Road Runners) e Aldo Balducci, che oggi ha compiuto un’impresa nell’impresa correndo dopo settimane di fermo e mettendo anima e cuore per sostenere il fratello Lorenzo.

 

Tra i gentlemen vittoria di Massimo Bosticco su Gianluca Cireddu (Cicli Dedonato Road Runners) e Wilhelm Bonato. E neanche la salita dei Ceretti scoraggia l’infaticabile debuttante della Redil Cicli Matergia Leonardo Donati, che conclude la gara con il gruppo.

Download
Classifica Ceretti di Front.pdf
Documento Adobe Acrobat 64.4 KB
Download
Classifica Giro del Canavese.pdf
Documento Adobe Acrobat 77.4 KB

Diego Dall’Osto e Tommaso Boccardo conquistano la classica di Pessione

Lunghe fughe caratterizzano la classica di Pessione, una delle pochissime gare in linea che hanno resistito alla pressione crescente che incombe sugli organizzatori di gare ciclistiche, e sono Tommaso Boccardo e Diego Dall’Osto ad entrare a pieno titolo nell’albo d’oro del Memorial Barosso.

Ma partiamo dal principio, così come inizia l’organizzazione di una manifestazione di questo livello: siamo alla 13^ edizione del Memorial Barosso, ormai un appuntamento fisso nel calendario piemontese per tutti gli amanti delle due ruote, un’occasione che incontra i gusti di chi preferisce le gare a circuito e anche di chi preferisce le medio fondo, con un percorso di circa 90 chilometri in linea.

Ma le difficoltà organizzative negli ultimi dodici mesi si sono moltiplicate ed anche lo staff del Presidente Mauro Natta è stato messo in difficoltà dalle restrizioni imposte dalle istituzioni e dallo stato molto deteriorato del manto stradale, così che è stato necessariamente cambiato il percorso che in questa tredicesima edizione si trova ad attraversare le tre province di Torino, Asti e Cuneo. Tuttavia l’impegno porta risultati, e sono oltre 160 i ciclisti che rispondono all’appello arrivando non solo dalle province piemontesi ma anche dalle limitrofe regioni di Lombardia e Liguria, pronti a darsi battaglia a colpi di pedale.

Si parte da Pessione ad andatura turistica per i primi 8 chilometri, fino ad arrivare al territorio del comune di Poirino, dove la gara prende finalmente il via volante.

Isolabella e poi la salita della Madonna delle Grazie, dove la bagarre si scatena: tra i giovani prendono in largo in quindici ed è la fuga giusta, insieme mantengono il vantaggio per tutto il resto del percorso. A poco valgono i tentativi del gruppo alle loro spalle di colmare il gap, ogni tentativo di inseguimento viene prontamente riassorbito dal plotone e i fuggitivi procedono di buon accordo fino a Riva Presso Chieri. Qui iniziano i primi disaccordi in vista della volata finale, i più forti si guardano a vicenda finchè sul rettilineo finale è Tommaso Boccardo del Team Poirinese che approfitta della distrazione degli altri e allunga per vincere a braccia alzate con una decina di metri di vantaggio su Daniele Passi (Lnc Jollywear) e Walter Pacchiardo. Tra i veterani la vittoria è di Davide Gallo su Lorenzo Perotti e Gianluca Moreni.

A pochi minuti di distanza dal gruppo dei giovani la battaglia si scatena tra Gentlemen e Supergentlemen, con un copione simile: parte una fuga di sei ciclisti, dietro non reagiscono tempestivamente ed il vantaggio si fa importante. Sul lunghissimo rettilineo finale il portacolori della Pessionese Diego Dall’Osto allunga sugli avversari e taglia il traguardo tra gli applausi degli spettatori e dei compagni di squadra. Alle sue spalle completano il podio Guido Ragazzini e Alessandro Speroni. Tra i Supergentleman A vittoria di Franco Tilatti su Riccardo Soro e Pierino Taddio, mentre tra i Supergentlemen B Giovanni Fedrigo taglia il traguardo davanti al compagno di squadra Claudio Pavese. L’applauso più fragoroso, come sempre, è per Stefania Sensi che arriva nel gruppo.

Al bar dell’oratorio la breve attesa per l’uscita delle classifiche è allietata dalla visione degli ultimi chilometri della tappa del Giro d’Italia, la passione è inarrestabile e impone il rinvio di qualche minuto per l’inizio delle premiazioni ma sono attimi spesi bene vivendo l’impresa di Froome sullo Zoncolan.

Ed eccoci infine alla premiazione, con i fiori per i vincitori, ricchi cesti gastronomici, tranci di speck, formaggi, bottiglie della Martini per ogni categoria ed un grande, meritato applauso per tutto lo staff organizzativo. Ed ecco l’immancabile pioggia, immancabile compagna quotidiana di questa primavera, che giunge fortunatamente solo a premiazioni terminate. 

 

Download
Classifiche Pessione.pdf
Documento Adobe Acrobat 532.1 KB

Osasio 12 Maggio: le classifiche

Download
Classifiche Osasio 12 maggio.pdf
Documento Adobe Acrobat 575.8 KB
Download
Classifiche Poirino 5 Maggio.pdf
Documento Adobe Acrobat 523.4 KB

Menini senza rivali alla Voghera – Brallo

Continua il momento magico del vogherese Andrea Menini e del Pedale Godiaschese di cui è il portacolori: dopo la terza piazza assoluta alla granfondo Valli d’Oltrepo, che ha visto per il primo anno l’ingresso del Pedale tra gli organizzatori, lo junior oltrepadano classe 1996 ha fatto centro in solitaria anche nella classica in salita Voghera-Brallo.

Ancora un successo organizzativo per il team di Massimo Albini e Gianni Daglia, gratificati da oltre un centinaio di ciclisti al via per una specialità, quella delle salite, notoriamente elitaria, e uno spiegamento di forze che garantisce la sicurezza su tutto il percorso.

Andrea Menini è stato l’autentico mattatore della corsa con una fuga insieme a Mauro Bonamici del Varzi. Il duetto al comando parte al decimo dei sessanta chilometri di gara e mantiene il vantaggio finchè agli ultimi otto chilometri il gentlemen del Varzi cede e perde la ruota del più giovane compagno d’avventura. Alle spalle del battistrada nel frattempo il gruppo reagisce e si spezza in più drappelli.

Siamo agli ultimi tornanti in vista del traguardo del Brallo, posto a 950 metri di altitudine: Menini, ancora in testa, inizia a dar segni di cedimento ma da fondo a tutte le sue energie e giunge al traguardo in solitudine con solo una manciata di secondi sui primi inseguitori, lo junior milanese Lorenzo Barbieri ed il lomellino Sergio Viola, primo veterano. 

Le classifiche della settimana: Murello e Busano!

Settimana densa di appuntamenti quella a cavallo della Festa della Liberazione per i ciclisti Csain nelle province di Torino e Cuneo.

Si parte mercoledì 25 Aprile a Murello, città che ospita il Castello di Bonavalle, racchiusa dalla campagna e a pochi chilometri di distanza dal più rinomato Castello di Racconigi. Qui per i tesserati di seconda serie è in programma la terza e ultima prova del Campionato di Apertura. Nato dalle ceneri del Campionato d’inverno che non ha resistito al maltempo dei primi mesi dell’anno, questo trittico è subito diventato un riferimento anche grazie al montepremi: ai primi tre classificati di ogni categoria che hanno partecipato alle 3 gare viene consegnato insieme alla medaglia d’oro, argento e bronzo indicativa della classifica del podio uno zaino NRC del valore equivalente alle quote di iscrizione delle tre gare. Una scommessa vinta dal Comitato Csain, che anche oggi registra quasi 150 ciclisti al via.

Come dimostreranno entrambe le gare di cui parliamo, non è solo la pendenza a decidere la difficoltà della stessa ma le forze in campo e la piega che questa prende. Tra i giovani parte una fuga a cinque che prende facilmente il largo imponendo al gruppo un ritmo serrato nel tentativo, che si dimostrerà vano, di recuperare terreno. Sulla linea del traguardo è il portacolori della Pessionese Ivan Iorio che trionfa a braccia alzate su Mirko Vieta e Gaetano Bologna, che mantiene il primo posto nella classifica di campionato.

Tra i gentlemen trionfo doppio per Marco Marenco, vittoria di gara e di campionato festeggiate in una lunga imponente volata vinta su Davide Chiantore e Rodolfo Bet (Cicli Dedonato) che conquista il terzo gradino nel podio di campionato.

Alla premiazione un lungo applauso per Roberta Valota, il primo per la prestazione in gara e il secondo per l’omaggio che è stato inserito nei ricchi cesti della premiazione giornaliera: un buono valido per un massaggio presso lo studio da lei gestito, valido per i soli tesserati.

Gare finite pochi minuti prima di mezzogiorno, ed è quasi l’una quando anche noi organizzatori ci dirigiamo verso il pranzo in famiglia, per festeggiare la bella giornata di sole.

Il sabato è l’ora della Compagnia dei Ciclisti di Busano che organizzano il Memorial Cesare Scalise. Capitanati dal presidente Luciano Spanò e supportati dal Comitato Csain per la gestione tecnica della manifestazione, danno vita ad una doppia gara per accontentare tutti: alle 13,30 si parte con la gara di prima serie valida come Prova di Campionato Provinciale e Prima Prova del Giro del Canavese, al termine di questa una gara riservata ai ciclisti di seconda serie. Le previsioni erano fosche, ma la giornata è piacevole e il ritrovo viene posto nel verde del giardino del Ristorante La Rocchetta, dove col sorriso di chi ha battuto il maltempo i circa 150 ciclisti che gareggiano in questo 28 aprile sfilano al tavolo delle iscrizioni, provenienti dalla vicina provincia di Biella ma anche dalla Lombardia.

Partono i prima serie, i nomi in campo sono importanti e lasciano presagire una gara combattuta: fin dai primi chilometri iniziano gli attacchi, tutti vogliono stare davanti ed il falsopiano che da Front sale verso Busano è il terreno giusto per fare la differenza. Tra i giovani la vittoria a braccia al cielo è del veterano Franco D’Apollo davanti a Paolo Manzoni e Andrea Nebiolo del Varzi. Vittoria tra gli Junior per il portacolori del Team Poirinese Tommaso Boccardo a trionfare davanti a Davide Caresio ed Emanuele Coppola della Rodman Azimut Squadra Corse.

Tra i gentlemen vittoria di Dario Ferracin su Diego Dall’Osto della Pessionese e Massimo Bosticco, e come sempre lodevole la prestazione del Debuttante della Redil Cicli Matergia Leonardo Donati, che conclude la corsa nella pancia del gruppo.

Qualche goccia di pioggia inaugura il primo giro della gara di seconda serie, mentre la prima gara viene premiata, ma poco dopo torna il sereno e le strade restano asciutte garantendo una gara sicura.

Sul traguardo è Maurizio Melis della Redil Cicli Matergia a festeggiare la vittoria davanti a Giancarlo Albiero del Tredici Team, e nella seconda partenza la vittoria va a Piero Sturaro su Fernando Ferrando e Giuseppe Dell’Atti.

La giornata di sport si conclude con un grande applauso per l’organizzazione e piena soddisfazione di tutti, le classifiche stilate rapidamente garantiscono una rapida premiazione per far rientrare tutti a casa in tempo per riposare e riprendere le forze per gli appuntamenti della domenica.

 

Appuntamento con la seconda serie rinnovato per sabato 5 maggio a Poirino, con l’organizzazione del Team Poirinese.

Download
Classifiche Busano.pdf
Documento Adobe Acrobat 92.9 KB
Download
Classifiche Murello 25 aprile.pdf
Documento Adobe Acrobat 89.2 KB
Download
Classifica Finale Campionato Apertura 2
Documento Adobe Acrobat 670.9 KB

Iorio e Marenco sugli scudi a Osasio

Download
Classifiche Osasio 15 aprile.pdf
Documento Adobe Acrobat 71.1 KB

Valerio Rinaldo e Davide Chiantore vittoriosi sui 160 di Poirino!

Ancora una settimana di pioggia quella vissuta nella provincia torinese, dove i giorni di primavera in questo impetuoso 2018, ma sabato 5 maggio puntuale il sole torna a splendere per arridere al Trofeo Team Poirinese, organizzato dal Team del presidente Domenico Parisi.

E come i raggi del sole altrettanto numerosi sono i ciclisti di seconda serie che si succedono alle iscrizioni per onorare l’appuntamento e schierarsi al via, pronti ad affrontare il circuito lungo 27 chilometri che passa per Pralormo e Casanova prima di tornare a costeggiare l’abitato di Poirino, un circuito ondulato che poche volte potrà essere affrontato in questa stagione a causa dell’inasprimento delle normative circa l’organizzazione delle gare ciclistiche. Sono ben 29 le persone sul tracciato che controllano il traffico, che vanno ad unirsi alle 4 auto e 4 moto di scorta tecnica e alle 3 ambulanze che garantiscono l’assistenza ai partecipanti.

La cronaca della gara non riserva grandi sorprese, purtroppo alcune cadute funestano la giornata, ma nessuno con gravi conseguenze e a tutti vanno i nostri migliori auguri di pronta guarigione. Ciononostante i due gruppi in cui è suddivisa la partenza restano compatti e l’esito della gara è nelle mani dei velocisti che si affrontano in volata: la salita prima della salita è la preparazione per conquistare le posizioni migliori e Valerio Rinaldo della A.P.D. Pessionese ne approfitta per lanciare una lunga volata con pochi metri di vantaggio sul gruppo e tagliare il traguardo vittorioso davanti a Paolo Mansuino del Team Poirinese.

Tra i gentlemen è Davide Chiantore che si avvantaggia e festeggia la vittoria a braccia alzate su Andrea Murador e Maurizio Gomba. Tra i Supergentlemen A vince Riccardo Soro, tra i Supergentlemen B Claudio Fissore mentre Stefania Sensi festeggia la premiazione insieme al debuttante Leonardo Donati della Redil Matergia.

 

Il ringraziamento del Team Poirinese per tutti i partecipanti e tutti i volontari che hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione anticipano la ricca premiazione, ed alle 17 siamo tutti diretti a casa.

153 è il numero del successo a Casanova!

Diego Dall'Osto e Coppola Emanuele sugli scudi alla seconda prova del Campionato di Apertura

Download
Classifica Casanova 1^ partenza.pdf
Documento Adobe Acrobat 126.5 KB
Download
Classifica Campionato Apertura seconda s
Documento Adobe Acrobat 522.9 KB
Download
Classifica Casanova 2^ partenza.pdf
Documento Adobe Acrobat 126.6 KB

Emanuele Coppola e Marco Marenco inaugurano il traguardo di Busano

Finalmente la pioggia concede una tregua e permette di iniziare a correre, e a Busano il ritrovo è un momento di allegria prima di mettere il numero sulla schiena e dare il via alle danze. 

Il circuito è la favriasca, 13 chilometri da ripetere 5 volte prima di lanciarsi sul tratto finale che conduce a traguardo davanti al Ristorante La Rocchetta.

La cronaca della gara viene messa in ombra dalla caduta tra i gentlemen i cui protagonisti vengono rapidamente soccorsi dall'assistenza sanitaria. Per il più grave arriva anche l'elisoccorso. Per fortuna per Antonio Pitiddu non seguono gravi ripercussioni: per lui frattura della clavicola, qualche costola ammaccata e un ematoma che si riassorbirà. A lui vanno i nostri migliori auguri di pronta guarigione.

Torniamo alla gara: tra i giovani dopo una lunga fuga è Emanuele Coppola della Rodman Azimut Squadra Corse a tagliare il traguardo con le braccia al cielo, e alle sue spalle completano il podio Gaetano Bologna della Cicli Dedonato Road Runners e Massimo Perracchione della Redil Cicli Matergia, vincitore tra i veterani: un podio tutto targato Csain.

La seconda partenza vede vincere Marco Marenco, Team Bike Pancalieri, davanti a Diego Dall'Osto della A.P.D. Pessionese e Mario Olivetti della Redil Cicli Matergia. Tra i supergentlemen A, o M7 che dir si voglia, è il portacolori della Redil Mario Zuin a vincere su Giorgio Barbieri della Cicli Dedonato e Negro Piero della Pessionese mentre tra gli M8 la vittoria va a Claudio Calvarese su Armando Omede e Gianpiero Soffietti.

Ottima prestazione al femminile che vede due partecipanti schierate in griglia di partenza e la vittoria di Stefania Sensi.

La seconda prova del Campionato di Apertura avrà luogo a Casanova sabato 7 aprile.

Grande prestazione delle squadre Csain alla Granfondo di Novi Ligure

Vittoria di Giorgio Rapaccioli nella Mediofondo , podio nella classifica a squadre per Rodman e Jolly Europrestige e ottimi piazzamenti per i portacolori della A.P.D. Pessionese

La pioggia, vera condanna di questa stagione ciclistica, cade fino a poco prima del via della prima prova della Coppa Piemonte a Novi Ligure dove circa 1200 ciclisti sono schierati nelle griglie di partenza per affrontarsi a colpi di pedale.

Pronti, via, alla partenza il ritmo imposto è subito sostenuto, le strade rese scivolose dalla pioggia appena caduta richiedono grande attenzione, ma i punti particolarmente critici vengono ben segnalati dall’organizzazione.

Al primo strappetto la prima selezione con il gruppo che si spacca in più tronconi. La prova è estremamente veloce ma non per questo semplice: i continui cambi di ritmo e i brevi strappetti non lasciano il tempo per riprendere il fiato e le discese sono tutt’altro che semplici con la strada viscida e spesso tortuosa.

Soltanto l’ultima parte in pianura concede un po’ di tregua lasciando il tempo per riprendere fiato in vista del traguardo, dove il nostro tesserato Giorgio Rapaccioli (Ciclismo Pavia) taglia vittorioso il traguardo della mediofondo.

Andiamo a vedere come si sono comportate le squadre Csain

 

Rodman Azimut Squadra Corse

 

Vittoria nella classifica a squadre per la new entry 2018 in casa Csain, con 115 atleti iscritti alla manifestazione e 107 partiti conquista a mani basse il primo gradino del podio nella classifica a squadre con 12267 km percorsi e ben 2 ciclisti piazzati nelle prime dieci posizioni assolute: Diego Piva ottavo nella granfondo e Riccardo Rinaldi decimo nella medio fondo.

 

Jolly Europrestige

 

Per la storica società sanmaurese il podio è una piacevole consuetudine consolidata negli anni alle granfondo, e anche in questa edizione non si smentisce. Il gruppo guidato dal presidente Roberto Bergamo si classifica terzo alle spalle dei giganti Rodman e Passatore con un margine di 800km sulla quarta classificata.

 

A.P.D. Pessionese

 

Un esordio in grande stile per la squadra di Pessione, organizzatrice ogni anno di due gare in linea che ricalcano i chilometraggi di una mediofondo. Quattro i portacolori in griglia di partenza, tutti decisi ad affrontare al meglio il percorso medio: Iorio Ivan, Domini Gabriele, Benedetto Ugo e Carazzato Luca si sono piazzati rispettivamente al 59° (11° di categoria M1 in 2 h 39’ 29’’), 61° posto (12° di categoria M1 in 2 h 39’ 30’’), 117° (15° di categoria M5 in 2 h 45’ 35’’) e 178° posto (30° di categoria ELMT in 2 h 49’ 15’’) a fronte dei 669 ciclisti che hanno tagliato il traguardo nel percorso medio.

 

 

Tra le prime 20 squadre classificate ricordiamo, dulcis in fundo, il Pedale Godiaschese che si classifica 9°, il Team Finotti 13° e Cicli Dedonato Road Runners 18°

Carlevero e Bellato timbrano il traguardo della Cento Chilometri!

Domenica 22 ottobre, l’autunno ormai inoltrato inizia a far sentire la sua presenza nelle fresche mattine ma il cuore della giornata appartiene ancora al tiepido sole che avvolge e accoglie i ciclisti nel piazzale antistante l’abbazia di Casanova, giunti per l’ultima sfida della stagione delle gare su strada.

E’ la cento chilometri, l’appuntamento che come una classica coinvolge atleti dalle regioni limitrofe e li unisce alle forze in campo solitamente presenti nel torinese per dar vita a una sfida inedita. Una cento chilometri a fine stagione che è la sfida alla resistenza per quanti agli ultimi appuntamenti non sfoggiano più uno stato di forma perfetta, e rimescola le carte per la vittoria che tutti vogliono a suggellare la stagione.

Sono 150 al via, divisi nelle classiche due partenze e scortati da 4 auto e 6 moto di scorta tecnica coadiuvati dal personale a terra per garantire la massima sicurezza nel percorso.

Centotre chilometri da affrontare, quasi una medio fondo al costo di una gara in circuito: al secondo dei cinque giri in programma tra i giovani si avvantaggiano in otto cercando il giusto spiraglio ma il gruppo reagisce prontamente, poco dopo un’altra dozzina tenta l’allungo ma il plotone non si lascia sorprendere ed ancora una volta riagguanta i fuggitivi. Agli ultimi due giri alla fatica si unisce il vento che imperioso si alza in senso contrario alla corsa frazionando il plotone. Ultimi chilometri, Andrea Gallo parte all’attacco e Natali va a richiudere mentre gli altri restano attardati. E’ allora Denis Carlevero che in posizione da cronometro raggiunge i due e rilancia mentre loro si studiano a vicenda senza reagire. Sul rettilineo finale Carlevero si presenta da solo accolto dalle ovazioni del pubblico presente, a pochi centimetri dal traguardo scende e porta la bicicletta tra le braccia oltre la linea. Poco attardati sopraggiungono in volata Andrea Natali davanti ad Andrea Gallo e Antonio Mostaccioli.

La seconda partenza è gestita dal gruppo della Ternatese Jollywear che controlla la gara e con la fuga solitaria di Davide Bellato la conquista a braccia alzate. Secondo gradino del podio per Claudio Monti e terzo per Michele Bausardo.

 

Al rientro al bar dell’abbazia una breve attesa per le classifiche e si procede alla premiazione di giornata, accompagnata da molti applausi per i protagonisti e un enorme applauso per Stefania Sensi che si è cimentata in tutte le prove del Trittico e per il debuttante Nicolò Melis (Redil Matergia) che speriamo di vedere più spesso sui campi di gara.

Download
La Cento Chilometri Prima Partenza.pdf
Documento Adobe Acrobat 104.4 KB

Mirko Vieta e Ugo Benedetto sul traguardo del Memorial Barbero!

Sabato 9 settembre, da anni ormai questo è il weekend della gara riservata alla 2^ serie organizzata dalla A.P.D. Pessionese. Un appuntamento atteso da molti, una delle poche gare in linea rimaste sul territorio nonostante le crescenti difficoltà organizzative.

E nemmeno il maltempo si oppone: mentre in quasi tutto il Piemonte la pioggia imperversa, su Pessione le nuvole restano alte e permettono agli oltre 130 iscritti di prendere il via e percorrere strade asciutte per tutta la gara.

Il percorso modificato rispetto alle edizioni precedenti rimescola le carte ma tra i giovani nessuna fuga riesce a prendere il largo. Così il gruppo si presenta a ranghi compatti sul rettilineo finale, lanciando la lunga volata che proprio sulla linea del traguardo viene vinta dal corridore del Pedale Leynicese Mirko Vieta davanti a Silvio Lentini e Massimo Perracchione (Redil Matergia).

Tra i gentlemen invece sono due fuggitivi ad anticipare il gruppo e facendo conquistare l'ambita vittoria all'atleta di casa Ugo Benedetto davanti a Massimo Fabris. La volata del gruppo è invece vinta da Giovanni Gilli su Maurizio Gomba e Daniele Bestetti. Ottime le prestazioni in gara di Stefania Sensi, unica donna iscritta, e del debuttante della Redil Matergia Leonardo Donati, che tagliano il traguardo con il gruppo. Primo tra i Supergentlemen A è Mauro Lorenzoni, e Francesco Capellino domina la classifica dei Supergentlemen B.

Le classifiche sono presto fatte e si inizia con un breve discorso di ringraziamento. Perchè è sempre doveroso ringraziare tutti i volontari che presidiano le strade garantendo la sicurezza delle gare cui partecipiamo, gli sponsor che consentono di organizzare manifestazioni così impegnative e tutto lo staff targato A.P.D. Pessionese, che con una passione sempre crescente organizza due manifestazioni senza uguali.

E dopo aver ricordato la festa di Pessione che si terrà all'oratorio nei prossimi due weekend, con spettacoli, balli e prelibatezze da gustare, procediamo con la premiazione con tranci di speck, salami, ottimo vino e altri prodotti gastronomici.