Giancarlo Albiero e Dario Ferracin vittoriosi a Osasio

Download
Classifiche Osasio 20 Luglio.pdf
Documento Adobe Acrobat 548.3 KB
Download
Classifica Provinciale 1 serie alla 7 pr
Documento Adobe Acrobat 591.9 KB

Antonio Mostaccioli e Mauro Perucca sul traguardo di Fiano

Download
Classifiche Fiano 7 luglio.pdf
Documento Adobe Acrobat 180.0 KB

Giancarlo Albiero e Andrea Brunetti sugli scudi a Carignano

Sabato 13 luglio, il caldo torrido che ha imperversato nelle scorse settimane lascia spazio a temperature più piacevoli e la giornata di sole invita a praticare sport all’aria aperta. In questo sabato di metà luglio il Campionato Provinciale 2^ serie Csain Torino si ritrova all’Osteria del Fuoriporta per disputare la sesta prova su un percorso rinnovato ma già provato in altre manifestazioni: si parte ad andatura controllata in direzione di Vinovo, il via volante dopo i primi 2 chilometri. Un circuito di 12 chilometri senza asperità da affrontare sei volte per un totale di 72 chilometri di gara.

Due i gruppi che prendono il via, divisi dai consueti cinque minuti che garantiscono lautonomia delle due gare. Per i giovani il primo giro serve a rompere il ghiaccio, poi ecco il tentativo giusto: in sette prendono il largo dando vita alla fuga che si rivelerà decisiva. Alla fine del secondo giro Marco Mondo (Dotta Bike) perde le ruote e viene riassorbito dal gruppo ma i sei battistrada proseguono imperterriti e mantengono un vantaggio rassicurante che li conduce allarrivo dove la ruota più veloce è quella di Giancarlo Albiero (Tredici Scott Matergia) che vince davanti a Fabio Bonaldo (La Mattanza) e Maurizio Melis (Tredici Scott Matergia).

Copione simile per la seconda fascia: in quattro prendono il largo dal gruppo dei gentlemen al secondo dei sei giri previsti, il gruppo tarda a reagire ed i quattro hanno una perfetta occasione per giocarsi la vittoria in una volata ristretta. Sulla linea del traguardo prevale Andrea Brunetti (Mania Bike) su Angelo Dalponte (Cavirio Pro Team) e Luigi Nigro (Team Poirinese). 

Download
Classifica Carignano 13 luglio.pdf
Documento Adobe Acrobat 645.4 KB
Download
Classifica Provinciale 2 serie alla 5 pr
Documento Adobe Acrobat 499.1 KB

Da Capo Nord a Tarifa (in bici) in 24 giorni, il nuovo record di Michelangelo Pacifico

Dal punto più a Nord del vecchio mondo fino alle colonne d’Ercole, è questa l’ultima impresa con cui l’ultraciclista del Gc’95 Novara ha  segnato  l’ennesimo record del suo curriculum sportivo.

Gli ci sono voluti infatti soltanto 24 giorni a ritmo di bici per collegare North Cape  a Tarifa, il punto più estremo d’Europa, sullo stretto di Gibilterra  in Spagna, attraverso 16 paesi,  7500km di asfalto (e non solo)  e 80mila metri di salita totali. 

Michelangelo Pacifico è arrivato a destinazione nella notte del 14 luglio, poco dopo aver scalato la terza montagna più alta della penisola iberica:  Pico del Veleta, 3.392 metri di altitudine nella Sierra Nevada.

Era partito il 20 giugno dalla Norvegia, con l’idea di vivere una nuova avventura in sella alla sua bici, una Bressan Bike confezionata per l’occasione, e provare a spostare le sue personali colonne d’Ercole un po più in la. 

E ci è riuscito, tagliando il traguardo per primo, davanti a una tenacissima Tanja Hacker, segnando un record non soltanto nel suo già fittissimo palmares ma anche nella storia della North Cape- Tarifa, la gara in completa autosufficienza più lunga d’Europa. 

“Stanotte è successo qualcosa di straordinario” ha scritto sulla sua pagina Facebook il Mitico, come viene soprannominato nel team “ E’ stata un’avventura totale che ha richiesto tutto quello che ho imparato anni e anni di ciclismo. Devo realizzare tutto, ci metterò molto a farlo perché è qualcosa di veramente grande”. 

Michelangelo Pacifico ha pedalato per 24 giorni in totale autonomia, come previsto dal regolamento della manifestazione, senza alcun tipo di assistenza al seguito, destreggiandosi spesso tra piccoli inconvenienti, copertoni tagliati e luci disperse. 

Ma non era solo: da casa grazie al live tracking e alle pagine social su cui documentava quotidianamente l’impresa, tutto il Gruppo ciclistico ’95 ha seguito e tifato per lui, qualcuno addirittura si è fatto trovare lungo il tragitto in occasione del suo passaggio lungo il Lago Maggiore per offrirgli un panino al volo.  

L’emozione e la soddisfazione di leggere del suo arrivo è stata grandissima ma non inaspettata per il suo team: Pacifico, a dispetto del suo nome, di stare fermo non è proprio capace e il suo curriculum da Randonneur / Ultracyclist ne è la prova.  

Nel 2017 ha completato in 20 giorni e 18 ore la Trans Am Bike Race  ( 6800km per 55000d+   negli Stati Uniti) e l’anno scorso dopo aver concluso in 5 posizione  la Bikingman Corsica ( 2 giorni , 700km, 13.000 metri di dislivello)  ha portato a termine in Perù  la  Incadivide Race 1800km 30mila metri di salite  classificandosi secondo assoluto. 

E già mentre si attende il suo rientro in patria, tutto il Gc’95 Novara si sta chiedendo quale sarà la prossima sfida di questo infaticabile ciclista con una passione davvero ultra

UCI - MONDIALI DI GRAN FONDO: Modalità di partecipazione per i tesserati CSAin che hanno ottenuto la qualificazione nelle prove di selezione

I tesserati CSAIn che hanno ottenuto la qualificazione, come da comunicato della Federciclismo  dovranno far pervenire, al Coordinamento Nazionale, tramite le Società di appartenenza, e-mail: info@csainciclismo.it , la richiesta di accredito, indicando le proprie generalità, il numero di tessera dell’Ente e un recapito e-mail.

A Nibbiola incoronati i Campioni Regionali Csain 2^ Serie

Nibbiola, paese sito 10 chilometri a sud di Novara, è nota per il castello eretto nel 1198 e tuttora in perfette condizioni, tanto da essere uno dei pochissimi castelli in Italia con un ponte levatoio ancora oggi funzionante.

Qui, in questo centro abitato che sorge sul terrazzo Novara-Vespolate, sabato 6 luglio è andato in scena il Campionato Regionale Csain 2^ serie, organizzato dal GS ’95 Novara della presidente Graziana Antoci con il supporto tecnico della Delegazione Csain Ciclismo di Biella e Vercelli, una splendida dimostrazione della capacità del crescente movimento piemontese di far squadra.

Il caldo si fa sentire fin dal mattino, ma non scoraggia i quasi 200 ciclisti che onorano l’appuntamento schierandosi sulla linea di partenza. Il percorso non prevede asperità importanti, ma il caldo amplifica gli sforzi e la tattica in gara fa il resto: è una gara combattuta dal primo all’ultimo chilometro, nessuno vuol cedere il passo e rinunciare alla maglia ed il gruppo si allunga fino a spezzarsi.

Tra i Gentlemen è Massimo Masciocchi (PassoLento A.S.D.) che con una poderosa volata vince a braccia alzate davanti al portacolori del Team Tartaggia Giorgio Crescente, che si laurea campione regionale della categoria Gentlemen 1. A pochi metri da loro il poirinese Luigi Nigro vince la categoria Gentlemen 2 e conquista il titolo regionale davanti a Massimo Mingoni e Flavio Santi.

Tra i Supergentlemen A vittoria di gara per Giuseppe Barbaini, ma in quanto lombardo non concorre per il titolo e la maglia di campione regionale va sulle spalle di Domenico Succio (Ultra Team).

E’ tempo di gareggiare per giovani e veterani, mentre nella cornice de La Pineta iniziano le premiazioni delle prime categorie e il caldo ancora non vuol diminuire.

Le diverse forze in campo spaccano il gruppo, la fuga prende il largo e i pronostici in zona d’arrivo si susseguono fino all’ultimo giro. All’ultima curva è una divisa neroazzurra a far capolino solitaria: è Saverio Gallello (Busto Garolfo) che va a vincere a braccia al cielo, ma il titolo regionale per la categoria Veterani 1 viene conquistato da un inafferrabile Christian Caruso (Penta Bike). Tra gli Junior è l’atleta di casa Ettore Salvemini (Gc 95 Novara) a indossare la maglia di campione, tra i Senior 2 la veste Fabio Marchisotti (Effebike) ed infine per i Veterani 2 vittoria di gara per il portacolori della Brontolo Bike Massimiliano Peloia e titolo regionale conquistato da Simone Giolo (Bike Team A Ruota Libera).

Terminata la competizione è l’anguria offerta dall’organizzazione a ristorare i partecipanti nella breve attesa delle classifiche.

E infine le premiazioni: alla presenza della Coadiutrice Nazionale Csain Ciclismo Elisa Zoggia, del Presidente Provinciale Csain VCO Luca Buarotti, del Delegato Csain Ciclismo Carlos Nicolello e della bellissima presidente del Gc 95 Novara Graziana Antoci, che in qualità di organizzatrice viene omaggiata della maglia regionale da esporre presso la sede, vengono chiamati prima i Campioni Regionali 2^ serie 2019 tra gli applausi di tutti i presenti e scattate le foto di rito. A seguire si procede con la premiazione della gara, mentre il clima è ancora festoso e già qualcuno pensa alla domenica al mare o alle prossime gare.

I Campioni Regionali Csain Piemonte 2^ serie sono:

Ettore Salvemini (Gc 95 Novara)

Fabio Marchisotti (Effebike)

Caruso Christian (Penta Bike)

Simone Giolo (Bike Team A Ruota Libera)

Giorgio Crescente (Tartaggia)

Luigi Nigro (Team Poirinese)

 

Succio Domenico (Ultra Team)

Download
REGIONALE 2^SERIE - NIBBIOLA 06.07.19.pd
Documento Adobe Acrobat 512.3 KB

Il GS Polesano conquista il tricolore cicloturismo CSAIn

Domenica 7 luglio, qualche temporale della sera precedente ha rinfrescato l’aria ed è quasi piacevole svegliarsi al mattino presto pronti per disputare il Campionato Nazionale di Cicloturismo Csain 2019.

Al Circolo Polesano di Nichelino l’attività freme fin dalle prime ore del mattino, quasi ininterrotta dalla festa Noi e La Città che anche sabato sera ha accolto ospiti fino a tarda notte, e il clima è quello festoso delle grandi occasioni.

Lenta ma inesorabile inizia la processione al tavolo delle iscrizioni, la piazza adiacente si veste dei colori delle molte divise che ne ricoprono la superficie.

Come un solo organismo, scortato dalle immancabili Scorte Tecniche e dai moto staffettisti a bordo delle Harley Davidson e anticipato dall’inconfondibile Vespa rossa del Presidente del gruppo Polesano Roberto Bottin, il plotone si muove e lascia la città di Nichelino per dirigere al Castello di Moncalieri, la prima asperità e la prima reggia sabauda che incontrerà in questo inedito percorso.

Il traffico ancora scarno della domenica lascia un passaggio sicuro davanti all’ingresso del Castello, e il gruppo procede spedito aggirando le colline che circondano la bella Torino e volgendo al territorio principe delle ciliegie: si transita a Pecetto, dove la salita mette a dura prova la resistenza di chi ha sulle gambe meno chilometri. A Santena, una volta sfiorato il Castello di Cavour, il gruppo fa una brevissima sosta vegliata dai carabinieri per ricompattarsi e ripartire alla volta dell’Abbazia di Casanova, dove lo attende la sosta vera e propria e dove molte delle squadre presenti approfittano per fare le foto di gruppo sullo sfondo della residenza di caccia sabauda.

Il sole ormai splende luminoso e il Re di Pietra veglia benevolo sulla carovana che, rinfrancate le energie ed effettuati i controlli da parte della giuria, riprende la strada. Il passaggio nel comune di Carmagnola rivela il traffico crescente, ma non mette in difficoltà l’apparato di sicurezza dei ciclisti che proseguono verso Carignano e poi Piobesi e Candiolo. Poche svolte e i più attenti iniziano a scorgere la sagoma di un cervo posto in cima a una residenza, poi tra gli alberi si intravede l’architettura della celebre Palazzina di Caccia di Stupinigi e in breve la raggiungiamo solo per goderne brevemente la bellezza e puntare a Torino, dove il traffico ormai intenso è gestito solo grazie alla capacità di tutte le Scorte Tecniche e delle motostaffette presenti. Ormai stanchi ma soddisfatti del percorso affrontato i cicloturisti gettano uno sguardo rapido al santuario della Bela Rosin, e affrontano in un lampo i pochissimi chilometri che ancora li dividono dall’arrivo.

Al Circolo Polesano di Nichelino il pasta party è preso d’assalto da tutti i presenti che apprezzano la pasta appena scolata e condita dall’ottimo sugo che i volontari dell’associazione hanno preparato mentre il gruppo pedalava. Molto graditi anche i prodotti del Polesine messi in vendita da espositori venuti per l’occasione e fatti degustare nel breve tempo che intercorre prima di procedere alla premiazione nel salone del circolo.

Il presidente del G.S. Polesano prende la parola per ringraziare tutti i partecipanti che hanno onorato la manifestazione con la loro presenza e presentando la festa “Noi e La Città” che vede il suo gruppo impegnato con stand gastronomici ancora tutte le sere della settimana che sta per iniziare.

Cede quindi la parola alla Coadiutrice Nazionale Csain Ciclismo Elisa Zoggia, che si unisce ai ringraziamenti e propone un applauso per gli organizzatori che hanno proposto un percorso differente da quelli affrontati di consueto e hanno allestito una manifestazione degna del tricolore e che avrebbe meritato un successo ancora maggiore di quello ottenuto. Insieme al Responsabile del Cicloturismo regionale Francesco Gioberti iniziano quindi la premiazione delle prime 5 società classificate per il Campionato Nazionale: vince la manifestazione e si laurea campione nazionale il G.S. Polesano, secondo il Rivoli, terza La.Qui.La. Insieme, quarto il G.S. Borgaro e quinta la Sportman.

Il direttivo del Polesano al completo consegna a tutte le donne cicliste presenti un omaggio floreale e procede quindi con la premiazione della manifestazione con bellissimi trofei e coppe per le squadre con almeno tre partecipanti.

Lorenzo Boccardo e Roberto Panepinto vittoriosi a Caramagna

Ultimo sabato di giugno, le temperature africane degli ultimi giorni hanno concesso una piccolissima tregua in Piemonte, ma il termometro supera ancora i 30 gradi e scoraggia molti dalla pratica dello sport all'aperto. 

Ciononostante a Caramagna Piemonte tutto è pronto per disputare la sesta prova del lungo Campionato Provinciale 1^ serie di Torino iniziato ad aprile.

Due le partenze che come consueto dividono le partenze, caldo e fatica la fanno da padroni sul circuito di 26 chilometri da ripetere 3 volte.

Tra i giovani è Lorenzo Boccardo (Team Poirinese) a tagliare il traguardo davanti a Gianni Accornero (Fornasari Auto), con una manciata di secondi di vantaggio su Daniel Altare (Gs Passatore), Danilo Fissore (Team Bike Pancalieri) e Maurizio Melis (Tredici Scott Matergia).

Nella seconda fascia è un inarrestabile Roberto Panepinto (Vigor Cycling Team) ad arrivare in solitaria a braccia alzate. Secondo si classifica Enzo Matta (Zibido San Giacomo) e chiude il podio con una bella volata Maurizio Piacenza (Zard Cavallino Rosso).

Download
Classifica Caramagna 29 giugno.pdf
Documento Adobe Acrobat 628.6 KB
Download
Classifica Provinciale 1serie alla 6 pro
Documento Adobe Acrobat 591.5 KB

Granfondo La Fausto Coppi – Officine Mattio: l’evento oltre la gara

CSAIn è un Ente di promozione sportiva che ha come mission la promozione delle attività sportive, culturali, assistenziali e ricreative del tempo libero.

Ed è proprio questo connubio tra sport e attenzione al sociale che da due anni ha avvicinato Csain e La Fausto Coppi – Officine Mattio, la granfondo di Cuneo divenuta un evento internazionale, al quale hanno preso parte domenica 30 giugno 2800 ciclisti provenienti da ben 37 nazioni.

Sarebbe al contempo semplice e riduttivo parlare solo dell’impresa sportiva di Ricardo Pichetta, ex professionista, che ha fatto la differenza sul percorso della prova regina, la Granfondo, 177 km con 4125 metri di dislivello che prevedeva la scalata della celebre salita del Fauniera di Valmala, Piatta Soprana e Madonna del colletto, tagliando il traguardo a braccia alzate in solitaria.  Secondo Paolo Castelnuovo vincitore una sette giorni prima della granfondo Ganten LaMontBlanc di Courmayeur e al toscano Fabio Cini. E del trionfo al femminile di Monica Bonfanti (Rodman Azimut Squadra Corse) nel lungo e di Annalisa Prato (Team De Rosa Santini) nella mediofondo, che ha tagliato il traguardo accompagnata dalla professionista Erica Magnaldi, ospite dell’organizzazione.

Merita anche un giusto spazio a Pietro Castellino, che ha affrontato la mediofondo lunga 111 km con 2510 metri di dislivello e ha fatto la differenza sulla salita del Fauniera, lanciando un’impresa solitaria che lo ha condotto in trionfo nella gremita ed esultante piazza Galimberti di Cuneo.

Ma quello che più di tutto vogliamo raccontare è l’esperienza di aggregazione, di attenzione ai più deboli e all’ambiente che sapientemente gli organizzatori Emma Mana e Davide Lauro hanno saputo valorizzare e che hanno fatto della Granfondo La Fausto Coppi – Officine Mattio un evento oltre alla gara e un fiore all’occhiello nel panorama degli eventi organizzata sotto egida Csain.

La nostra storia inizia il 22 giugno, quando i volontari e simpatizzanti della granfondo guidati dalla presidente Emma Mana sono saliti sul Colle Fauniera per la giornata di pulizia delle strade di montagna. Attrezzi in spalla sono stati impegnati nel Vallone dell’Arma sopra Demonte e da Castelmagno al Colle Fauniera in un’imponente opera di pulizia e messa in sicurezza della strada, una piccola attenzione per le strade di montagna che costituiscono un patrimonio troppo spesso sottovalutato e che numerosi stranieri ci invidiano.

In piazza Galimberti a Cuneo, invece, gli eventi iniziano il mattino di sabato 29 giugno: qui, nel cuore pulsante del capoluogo della provincia granda, teatro privilegiato della manifestazione, grazie alla collaborazione con le associazioni G.S. Passatore e Michelin Sport Club Cuneo sono oltre 150 i bambini che partecipano entusiasti alla Junior Bike, l’appuntamento improntato alla sicurezza in bicicletta loro dedicato con un percorso tracciato dagli istruttori del G.S. Passatore e gadget Michelin regalati a tutti i partecipanti.

Gli appuntamenti proseguono nel pomeriggio con la pedalata arancione, iniziativa in omaggio all’Olanda, paese ospite de “La Fausto Coppi – Officine Mattio”. Si tratta di un evento volto a sensibilizzare la gente alla mobilità sostenibile, l’ambasciata olandese ha omaggiato i partecipanti una t-shirt arancione e l’ambasciatore olandese in Italia Joost Flamand e rappresentanti di altre delegazioni diplomatiche si sono schierati in prima linea insieme a diversi amministratori locali e ai bersaglieri in bici che hanno fatto da apripista lungo i 5 km del tracciato.

Al rientro ha inizio la Cerimonia delle Nazioni: sul palco delle premiazioni vengono accolte e festeggiate le delegazioni dei 37 paesi che prendono parte alla manifestazione, dal Giappone all’Australia, dal Cile al Canada senza dimenticare Marocco, Israele e gli stati europei, ogni delegazione viene accolta ed applaudita e la sua bandiera viene esposta nella zona di arrivo della granfondo. Un’internazionalità che è un valore condiviso da Csain, che rappresenta il movimento sportivo aziendale italiano in seno alla WFCS (World Company Sport Games).

È quasi sera quando sul palco sfilano e vengono premiate le società più numerose, mentre nella zona di ritiro dei pacchi gara i volontari non hanno ancora avuto tregua dalle operazioni di consegna. Il sipario cala insieme alla notte, ma sarà una notte molto breve.

Sono le 4.23 del mattino quando nella piazza deserta e insonnolita l’organizzazione è già in moto per dare il via a Bruno Giraudo, un appassionato di ciclismo che ha deciso di affrontare la mediofondo in sella alla sua Graziella verde. La sua è una passione che va oltre la voglia di misurarsi con il cronometro, è la volontà di vivere la bicicletta in modo goliardico. All’arrivo soddisfatto, ha commentato che la parte più dura era la pianura “Scendeva che era una meraviglia!”. Per lui e per il suo sorriso coinvolgente tifo festante lungo il percorso e nella piazza.

Ma le emozioni non finiscono mai: tra la moltitudine di storie personali che in queste strade si intrecciano spicca quella di Lorenzo Ballario, studente con disabilità visiva che, accompagnato dal padre Giuseppe, ha pedalato su un tandem.

È grande l’emozione sul Colle Fauniera quando tra la moltitudine di biciclette in transito spicca una sedia a rotelle: maglia azzurra della Fausto Coppi indossata, è Luca Panichi a condurla. Ex ciclista che nel 1994 a causa di un incidente vide la sua vita stravolta per sempre, Luca Panichi è ora conosciuto come “lo scalatore in carrozzina”, e non ha mancato l’occasione di onorare la manifestazione con la sua presenza e di affrontare a modo suo sua maestà il Fauniera.

Il sole inizia a calare, il tempo massimo è stato raggiunto, ma ancora un’impresa merita l’attenzione di tutti i presenti ed i partecipanti: sono le e-bike partite al fondo della corsa. Agevolati nelle salite dalla pedalata assistita, hanno voluto onorare e rendere unica la loro presenza grazie ad un’iniziativa volta al rispetto dell’ambiente: muniti di grossi sacchi neri si sono fermati lungo il percorso a raccogliere tutti i rifiuti che partecipanti maleducati e incivili hanno gettato sulla strada. Al traguardo i loro sacchi erano colmi, il pubblico a bocca aperta: a tutti piace parlare di rispetto dell’ambiente, ma sono i fatti quelli che contano e questi appassionati hanno dimostrato quanto danno pochi incivili (non vogliamo credere che sia la moltitudine a voler godere della bellezza delle nostre montagne e lasciarle imbrattate al loro passaggio) possano creare al territorio.

 

Facciamo nostro il loro messaggio al termine di questo estenuante ed emozionante fine settimana.

Antonio Mostaccioli timbra il traguardo di Busano

 Sabato 22 giugno, i temporali che il venerdì pomeriggio hanno causato danni nel centro di Torino e nei paesi della prima cintura nord hanno avuto come ulteriore conseguenza di allarmare i servizi meteo e i praticanti dello sport a cielo aperto, che per il pomeriggio del sabato temono nuovi importanti fenomeni temporaleschi.

Ma gli organizzatori della quinta prova del campionato provinciale strada prima serie di Torino non demordono e decidono di non annullare la prova, certi che se pioggia deve essere sarà poca e non influirà sulla sicurezza in gara.

Qualche nube incombe e qualche tuono suona minaccioso quando alle 15 si parte, ma il percorso della favriasca è ancora illuminato dal sole mentre il plotone è già a tutta. Sarà la fuga di Carmelo Marchetta e Antonio Mostaccioli a caratterizzare la gara, inseguiti da un gruppo che non riesce mai a colmare la distanza.

 

All’ultimo tratto che porta al traguardo l’alfiere della Arredamenti Berutti con una progressione senza confronto abbandona il compagno di fuga e va a tagliare il traguardo trionfante, secondo gradino del podio per il combattivo Carmelo Marchetta e terzo per Luca Carlini. La volata del gruppo è regolata da Daniel Altare su Davide Caresio.

Download
Classifiche Busano 22 giugno.pdf
Documento Adobe Acrobat 509.7 KB
Download
Classifica Provinciale Torino 1 serie al
Documento Adobe Acrobat 606.2 KB

LA FCI ESCLUDE I TESSERATI ACSI DALLE PROVE MONDIALI DI GRANFONDO

Riportiamo di seguito il comunicato FCI

“Com’è noto nelle Convenzioni 2019 tra i punti qualificanti degli accordi sottoscritti da tutti gli Enti vi è la procedura di organizzazione delle Gran Fondo (superiori ai 120 km) che prevede per l’anno in corso l’acquisizione di un id di gara dalla FCI con l’approvazione del Programma di Gara, la nomina del Presidente di Giuria e di un Giudice di Gara da parte della FCI, la presenza di un Direttore di Corsa della FCI.

L’ACSI ha completamente ignorato tale accordo, dapprima chiedendo uno slittamento della data di applicazione che la FCI ha posposto al 1 maggio. Successivamente l’Ente ha continuato a disapplicare l’accordo nonostante una lettera formale di invito ad adempiere ed a riconfermare l’adesione alla Convenzione trasmessa dal Presidente della FCI al Presidente dell’ACSI.

L’ACSI ha risposto con una nota generica in cui parla di presunte e non meglio identificate inadempienze della FCI non evidenziando alcun ripensamento nella sua concreta posizione di disapplicazione degli accordi. Ad una nuova lettera della FCI sullo stesso tema, ad oggi, non ha dato alcuna risposta.

Tra l’altro ci è stato riferito da più parti che l’ACSI nelle sue diverse sedi territoriali sostiene in modo ripetuto che esso sarebbe “esente” dalle norme sulle Gran Fondo.

L’interesse economico dell’ACSI verso le Gran Fondo è noto ma è altrettanto chiaro che nessun Ente è obbligato a Convenzionarsi con la FCI, che tutti gli Enti sono tenuti, se si convenzionano, a mantenere gli impegni e comunque a rispettare le norme internazionali e nazionali che disciplinano la pratica del ciclismo.

Alla luce di questo ripetuto comportamento dell’ACSI la FCI si muoverà in questo modo:

 

1. Denuncia dei fatti sopra riferiti agli Organi del CONI in merito al mancato rispetto della Convenzione e della normativa del ciclismo;
2. Convocazione per il 5 lluglio 2019 presso la sede FCI di una riunione con tutti gli altri Enti al fine di concordare una linea comune verso le arroganti inadempienze dell’ACSI
3. Esclusione dei tesserati ACSI dalla Prova Mondiale di Gran Fondo”.

La Classifica del Campionato Provinciale Torino 1^ serie

In attesa della quinta prova del Campionato Provinciale di Torino che si disputerà sabato 22 giugno a Busano, ecco la classifica provvisoria

Appuntamento al Ristorante La Rocchetta alle 14,00 e partenza alle 15,00

Il percorso è la favriasca da affrontare 6 volte 

Download
Classifica Provinciale Torino 1 serie.pd
Documento Adobe Acrobat 605.5 KB

Pietro Dutto e Dario Ferracin conquistano l'oro a Entracque!

Cristian Oberto, Marco Daniele,Lorenzo Brondello, Enrico Battistino, Pietro Castellino, Gualtiero Cappellino, Claudio Garelli, Angelo Bagnasco ed Elisa Parracone sono i nuovi Campioni Regionali Strada 1^ serie

 Sabato 15 giugno, finalmente la bella stagione sembra voler sbocciare sul Piemonte e un fulgido sole accoglie in quel di Entracque i ciclisti provenienti da tutta la regione e da regioni limitrofe accorsi per disputare il “2° Memorial Pasquale D’Apollo”, valido come prova unica di Campionato Regionale 1^ serie Csain per il Piemonte e la Valle D’Aosta.

Il percorso è degno del campionato cui è destinato: dopo il trasferimento ad andatura controllata fino a Valdieri, dove viene dato il via volante, ci si inoltra in un circuito ondulato che tocca Andonno, Borgo San Dalmazzo e Roccavione prima di dirigere verso Roaschia e tornare ad Andonno. Sei i giri da affrontare, al termine dei quali si torna a Valdieri e si affronta la salita che conduce al traguardo di Entracque per circa 83 chilometri di gara.

La distanza della località dalle maggiori vie di comunicazione penalizza un po’ la partecipazione massiccia, ma al conto sono un centinaio i partecipanti che onorano la chiamata della famiglia D’Apollo, e la qualità delle forze in campo garantisce uno spettacolo da non perdere al pubblico presente.

Come vincolati alla promessa di dar spettacolo, appena dopo la partenza in tre si lanciano nell’avventura di una fuga da lontano: sono Giuseppe Basile (Vigor), Luca Carlini (Arredamenti Berutti) e Max Stocchino (Team Bike Pancalieri).

Il gruppo non reagisce ma si mantiene sornione a una quarantina di secondi di distanza mentre giro dopo giro le numerose moto di Scorta tecnica ottimamente coordinate con il personale a terra e le vetture di servizio garantiscono la sicurezza dei partecipanti nonostante il traffico domenicale dei turisti, e la costante informazione di quanto accade in gara.

I battistrada proseguono la loro azione fino al tratto finale: vengono riassorbiti lungo la scalata ad Entracque, ed a questo punto è Pietro Dutto (Vigor) a tagliare il traguardo a braccia alzate con 32 secondi di vantaggio su un secondo posto meritato di Max Stocchino (Team Bike Pancalieri) e a conclusione del podio il portacolori della Ciadit Cicli Sumin Walter Pacchiardo.

Il copione della seconda fascia è inevitabilmente influenzato dal ricongiungimento con l’ultimo gruppo dei più giovani, ma è la volata finale, giocata proprio sulla linea del traguardo, a decretare la vittoria di Dario Ferracin (Vigor) su Wilhelm Bonato (Team Santysiak), e appena dietro di loro chiude il podio Massimo Bosticco (Ciclo Polonghera).

La presenza del controllo antidoping al traguardo, che l’organizzazione spera di vedere sempre più spesso alle manifestazioni, costringe a tardare leggermente le premiazioni, ma il ricchissimo rinfresco allestito dalla famiglia D’Apollo rende l’attesa piacevole, e rinfranca da ogni fatica.

Ad aggiudicarsi il titolo e la Maglia da Campioni Regionali Csain 1^ serie sono :

OBERTO Cristian (SC Pedona Cicli Argirò) Junior

DANIELE Marco (GS Passatore) Senior 1

BRONDELLO Lorenzo (GS Passatore) Senior 1

BATTISTINO Enrico (GS Passatore) Veterani 1

CASTELLINO Pietro (La Veloboves) Veterani 2

CAPPELLINO Gualtiero (Team Bike Pancalieri) Gentleman 1

GARELLI Claudio ( Reaction Team) Gentleman 2

BAGNASCO Angelo (Punto Ciclo Conte) Super Gentleman B

PARRACONE Elisa (GS Passatore) DONNE

Per loro grandi applausi, fiori e foto di rito insieme all’infaticabile dirigente cuneese Vittorio Bongiovanni e al Coadiutore Nazionale Csain Ciclismo Elisa Zoggia.

Si procede quindi con la consegna delle medaglie d’oro ai primi 3 classificati delle due fasce e alla prima donna, e poi alla premiazione delle categorie, ed infine ancora alla corposa estrazione di premi consegnati unicamente ai presenti.

 

E’ tardo pomeriggio quando la carovana dei ciclisti si rimette in viaggio, portando nel cuore una meravigliosa giornata di sport ed il plauso meritato dall’organizzazione.

Download
CLASSIFICHE Complete-Entracque.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.2 MB

Marco Moretti e Maurizio Melis sugli scudi a Carignano!

Download
Classifica Carignano 9 giugno.pdf
Documento Adobe Acrobat 524.0 KB
Download
Classifica Provinciale 2 serie.pdf
Documento Adobe Acrobat 509.0 KB

Il Trofeo Polesani nel mondo assegnerà il titolo nazionale cicloturismo CSAIn

Nichelino (Torino) – Eccellenze in scena. Ci sono luoghi in cui una semplice pedalata in bicicletta si trasforma in un incontro con la storia. Succede a Nichelino, comune che sorge a sud del capoluogo piemontese e domenica 7 luglio ospiterà il 37° Trofeo Polesani nel mondo – Giro delle residenze reali, manifestazione cicloturistica valida quale prova unica per l’assegnazione del titolo nazionale cicloturismo CSAIn

L’organizzazione è curata dal Gruppo Sportivo Polesano, sodalizio presieduto da Roberto Bottin che ormai da diverse stagioni si è affermato come una delle associazioni più attive nella promozione dell’attività cicloturistica. 

“Dopo l’assegnazione del campionato nazionale cicloturismo da parte di CSAIn Ciclismo, ente a cui siamo ormai da diversi anni affiliati – sottolinea Bottin – ci siamo attivati per tracciare un percorso che permetta agli appassionati di questa disciplina di scoprire alcune delle residenze reali e i monumenti che hanno segnato la storia del nostro territorio e della città di Torino prima capitale d’Italia. Inoltre, abbiamo inserito l’evento nel programma della Festa Noi e la Città che il nostro circolo organizza ogni anno e quest’anno si terrà dal 4 al 14 luglio. Tutto questo per offrire a quei ciclisti che arriveranno da fuori regione, l’opportunità di gustare piatti della tradizione polesana”. 

I partecipanti dovranno percorrere 74 chilometri con partenza dinanzi alla sede del Circolo Polesano e arrivo nei pressi di Palazzo Occelli, il “Castello di Nichelino” fascinosa dimora costruito su fondamenta già esistenti nel 1565, al suo interno si trova la cappella votiva alla Madonna delle Grazie con la prima chiesa di Nichelino del XIII secolo, un’ex sala carrozze, la piscina, il patio ed un parco secolare di circa 35.000 m2.

Lungo il percorso di gara i partecipanti potranno inoltre ammirare il Castello di Moncalieri che sorge nel centro storico dell’omonimo comune, e insieme ad altre residenze sabaude dal 1997 è stato inserito nella lista dei siti Patrimonio dell’Umanità Unesco. L’Abbazia di Casanova di Carmagnola, la Palazzina di Caccia di Stupinigi, nel comune di Nichelino, residenza reale eretta per i Savoia su progetto dell’architetto Filippo Juvarra. Il Castello di Mirafiori voluto nel 1585 da Carlo Emanuele I di Savoia ed entrato a far parte della Corona delle Delizie di casa Savoia. Il mausoleo della Bela Rosin, una copia esatta del Pantheon di Roma, fatta costruire come tomba di famiglia dai figli di Rosa Vercellana, soprannominata in piemontese Bela Rosin, dove avrebbe dovuto essere sepolta insieme al marito Vittorio Emanuele II. Rosa Vercellana, contessa di Mirafiori e Fontanafredda, fu infatti prima amante e poi moglie del primo re d’Italia. 

Un viaggio nella storia da non perdere. La partenza è fissata per le ore 8. Al termine della prova premiazione e pasta party. 

Iscrizioni. Le iscrizioni si effettuano attraverso la mail ciclismo@polesani-nichelino.com. Costo dell’iscrizione 8 euro.

Mirko D'Amato

Poirino festeggia la vittoria di Luigi Nigro e Lorenzo Piotti

Download
Classifiche Poirino 1 giugno.pdf
Documento Adobe Acrobat 515.8 KB
Download
Classifica provinciale 2 serie.pdf
Documento Adobe Acrobat 501.3 KB

Antonio Mostaccioli trionfa dove osano gli audaci!

 Sabato 25 maggio, le previsioni non sono ottime ma il tempo ormai ci ha abituati alle sorprese e fiduciosi nel sole che benevolente accompagna la mattinata si parte per Foresto di Caramagna dove si svolgerà nel pomeriggio la quarta prova del Campionato Provinciale Csain di Torino.

Qualcuno, forse per disattenzione, ha sbagliato a guardare i calendari volgendo l’occhio ammiccante verso quelli dove gare a circuito se ne trovano poche, e così ci si trova con due gare simili a pochi chilometri di distanza e la sicurezza di due gare poco partecipate, ma ormai si è in ballo e gli impegni presi con il movimento nei calendari e i campionati pubblicati a febbraio non si disattendono pur nella speranza che in futuro il movimento ciclistico e gli stessi organizzatori non debba più soffrire simili “disattenzioni”.

Ma veniamo alla corsa: sotto un caldo sole dal sapore primaverile si parte, ma in breve il gruppo si spezza con una fuga che conta una dozzina di ciclisti ed il gruppo che fatica a richiudere il buco. Tra i battistrada si contano Bruno Dellerba (Carignano Bike), Antonio Mostaccioli (Arredamenti Berutti), Maurizio Melis (Tredici Scott Matergia), Stefano Caporali (Atelier Della Bici) e Max Stocchino (Team Bike Pancalieri). E’ la fuga giusta, i battistrada transitano con un vantaggio rassicurante al primo giro mentre il sole inizia a giocare a nascondino tra le nuvole che si avvicinano.

Al termine del secondo giro il vantaggio dei battistrada è costante mentre le nubi incombono sempre più minacciose ed i primi tuoni si fanno sentire, e sul rettilineo che conduce verso Carmagnola si scatena la pioggia. Sono numerosi i ritiri, il gruppo si fraziona ulteriormente e solo l’abilità delle numerose Scorte Tecniche presenti in gara riesce a garantire la sicurezza di tutti i partecipanti.

La pioggia crea un istante di incertezza nel gruppetto dei fuggitivi e prontamente Antonio Mostaccioli coglie l’attimo e scatta, seguito a ruota da Massimo Bosticco (Cicli Polonghera). I due non si voltano ma macinano chilometri e si mantengono al comando. Sul traguardo, dove il vento ha spazzato via la pioggia, è Antonio Mostaccioli a transitare a braccia alzate seguito da Massimo Bosticco. Conclude il podio Stefano Caporali che batte in volata i compagni di fuga.

 

Un ironico raggio di sole fa capolino tra le nuvole mentre ha luogo la cerimonia di premiazione, e mentre rientriamo a casa l’augurio è che la primavera decida presto di farsi vedere.

Download
Classifica Foresto di Caramagna 25 maggi
Documento Adobe Acrobat 446.7 KB

RINVIO AD ALTRA DATA DEL CAMPIONATO REGIONALE STRADA PIEMONTE 1^ SERIE

A seguito delle avverse condizioni meteo che imperversano sul territorio piemontese, considerato anche i bollettini di all’allerta meteo e le conseguenti criticità che metterebbero a rischio l’incolumità dei concorrenti, in accordo con il Centro Coordinamento Cuneo, si stabilisce di rimandare ad altra data la manifestazione ciclistica “2° Mem. Pasquale D’Apollo” prevista a Entracque (CN) per domenica 19 maggio, valida quale prova unica del Campionato Regionale Piemonte strada 1^ Serie.

La prova verrà recuperata sabato 15 giugno

Luca Pera e Claudio Monti trionfano a Pessione!

Sabato 11 maggio, le previsioni sembrano averci visto giusto e su Pessione un raggio di sole accoglie gli appassionati delle due ruote a quella che ormai nel calendario delle gare ciclistiche amatoriali è una classica, un appuntamento da segnarsi e cui non mancare perché è tra le pochissime gare in linea che ancora vengono organizzate nonostante le crescenti difficoltà. Ma lo staff dell’A.P.D. Pessionese, sapientemente guidato dal presidente Mauro Natta, non si arrende mai e ancora una volta dopo numerose ricognizioni per cercare le strade non ancora dissestate estrae dal cilindro un percorso appassionante e tutto è pronto per disputare il 14° Memorial Domenico Barosso.

Sono 93 chilometri, di cui un circuito da ripetere due volte per la metà della gara ed i rimanenti chilometri in linea, e come nella tradizione pessionese numerosissime moto di Scorta Tecnica affiancate dal personale a terra per garantire la piena sicurezza della gara.

Il gruppo dei giovani e veterani conta oltre cento ciclisti schierati sulla linea di partenza: si parte subito forte, al termine dei due giri del circuito la media è di 44 chilometri orari. Riescono comunque a evadere dal gruppo Antonio Mostaccioli (Arredamenti Berutti), Giovanni Dracone (Vigor) e Matteo Save (Team LNC Jollywear), ma il gruppo non demorde e dopo alcuni chilometri li riprende anche grazie al vento, che aumenta le difficoltà. Ai piedi dell’ultima salita sono una ventina i battistrada, ma il vantaggio è solo di una decina di secondi ed anche questo tentativo viene presto annullato dal plotone. Ci provano ancora Luigi Cucco (Dotta Bike) e Giovanni Dracone, ma a quattro chilometri dal traguardo vengono riassorbiti, giusto in tempo per preparare la volata finale: il lungo rettilineo con l’ampia sede stradale è perfetto, il gruppo si allarga e con uno scatto prepotente è Luca Pera a vincere davanti a Daniel Altare e Alberto Cristiano, primo dei Veterani.

Gentleman e supergentlemen sono una novantina, solo 62 taglieranno il traguardo finale: i primi 45 chilometri volano velocemente in un’ora. Appena il gruppo svolta per affrontare i 15 chilometri più impegnativi, con le tre salite in sequenza ravvicinata, Benedetto Ugo (A.P.D. Pessionese), allunga e Michele Bausardo (Asnaghi Cucine) lo segue a ruota. Fino a quel momento, mai visti davanti. Riescono a prendere un discreto vantaggio, una trentina di secondi, e fanno quasi 10 chilometri e due salite prima che il gruppo li raggiunga, tirato dal forte Paolo Caberlotto (Team De Rosa Santini). Alla fine della terza salita apre il gas Claudio Monti (Asnaghi Cucine), lo raggiungono Wilhelm Bonato (Team Santysiak), Stefano Carbone (Rodman Azimut Squadra Corse) e Paolo Caberlotto. La salita non è lunga, ma vanno comunque via quattro scalatori. Si sganciano altri sei corridori, appena scollinato. Ai meno 6 dall'arrivo provano in cinque ad anticipare il gruppo tra cui Placido Caraci (Zibido San Giacomo) e Michele Bausardo. Intanto davanti i quattro battistrada si giocano la corsa: con uno spunto velote vince Claudio Monti su un fortissimo Stefano Carbone e Paolo Caberlotto. Dietro loro tagliano il traguardo i sei diretti inseguitori ed infine i cinque che per ultimi hanno abbandonato il gruppo e lo precedono di poco.

La sfida al femminile viene vinta da Olga Cappiello (Team De Rosa Santini) davanti a Stefania Sensi (PCS).

In breve iniziano le premiazioni, oltre 80 i premi messi in palio nella divisione tra prima e seconda serie: prosciutti crudi, tranci di speck, formaggio e altre squisitezze vengono consegnate ai vincitori che categoria dopo categoria vengono chiamati tra gli applausi dei compagni di gara.

 

Download
Classifiche Pessione.pdf
Documento Adobe Acrobat 471.5 KB
Download
Classifica Provinciale 1 serie alla terz
Documento Adobe Acrobat 598.6 KB

Lorenzo Alladio e Davide Bellato vincono il G.P. Cicli Dedonato

Gaetano Bologna, Lorenzo Alladio, Mirko Vieta, Alessandro Picco, Mauro Perucca, Paolo Bianchi, Domenico Succio, Giovanni Fedrigo e Samanta Bellinzona sono i Campioni del Giro del Canavese 2019

 

La Cassa, località sita a nord ovest di Torino il cui nome rivela la natura venatoria delle sue origini, domenica 5 maggio è diventata il teatro del Gran Premio Cicli Dedonato, valido come prova conclusiva del Giro del Canavese 2019.

La primavera che sembra non voler sbocciare ci regala una nuova giornata grigia ma al ritrovo un timido raggio di sole si fa strada tra le nubi accogliendo il centinaio di ciclisti che accorrono per cimentarsi sul percorso rivisitato che ad uno sguardo distratto potrebbe sembrare semplice ma si rivelerà selettivo anche grazie alle forze in campo.

Due i gruppi che prendono il via appena fuori dal centro abitato. Tra i giovani partenza molto veloce, nei primi tre dei cinque giri da affrontare sono numerosi i tentativi di fuga che si susseguono, ma il gruppo è molto reattivo e nessuno riesce a guadagnare più di 20 secondi prima di essere inesorabilmente riassorbito. Tra i più attivi in questa fase di gara sono Alain Seletto (Bicisport), Max Stocchino (Team Bike Pancalieri), Gaetano Bologna (Cicli Dedonato), Davide Caresio (Pedalando in Langa) e Carmelo Marchetta (Pedalando in Langa). Al quarto giro evadono in tre: Yuri Droz (Team De Rosa Santini), Lorenzo Alladio (N.S.S.V 1794) e Diego Cattaneo. Guadagnano subito 30 secondi, sembra fatta, ma all’ultimo giro in un tratto controvento i tre inseguitori Marco Daniele (G.S. Passatore), Denis Sosnovchenko (PCS) e Alberto Cristiano si avvicinano: al momento del ricongiungimento Lorenzo Alladio e Marco Daniele sorprendono gli avversari scattando nuovamente, dietro non si organizzano subito ed i due di comune accordo riescono ad arrivare al traguardo. Amici e compagni di allenamento, tra di loro non ci sarà volata ma un arrivo in parata tra gli applausi del pubblico. Il terzo gradino del podio è del russo Denis Sosnovchenko che domina gli avversari. Il gruppo alle loro spalle nel frattempo si è allungato frazionandosi, e la volata verrà vinta da Silvio Lentini (PCS) su Francesco Calandra (As Ciclismo) e Alessandro Picco (Bike Delu Mapei), che con il piazzamento odierno vince la classifica del Giro del Canavese davanti a Bruno Dellerba (Carignano Bike).

La seconda partenza vede il gruppo viaggiare compatto per i primi tre giri nonostante gli scatti continui. All’inizio del quarto giro sono Davide Bellato (Asnaghi Cucine) e Paolo Caberlotto (Team De Rosa Santini) a prendere l’iniziativa dando inizio alla fuga giusta. Alle loro spalle il gruppo si spezza in due tronconi e nel primo drappello la sola presenza femminile è quella di Olga Cappiello (Team De Rosa Santini). Ancora continui scatti nel gruppo degli inseguitori ma nessuno riesce a staccarsi per raggiungere i battistrada fino agli ultimi quattro chilometri: Gian Marco Guglielmino (Team De Rosa Santini) e Wilhelm Bonato (Team Santysiak) si avvantaggiano, ma non riescono a prendere i battistrada. Sul traguardo la ruota più veloce è quella di Davide Bellato su Paolo Caberlotto, dietro di loro conclude il podio Gian Marco Guglielmino davanti a Wilhelm Bonato. Il gruppo è regolato da Mauro Perucca (Team Bike Pancalieri) su Rodolfo Bet (Cicli Dedonato) e Paolo Bianchi (Bicistore Cycling Team).

In piazza Galetto la gelateria La Dolceria ha preparato per partecipanti ed accompagnatori un rinfresco luculliano, ottima occasione per scambiarsi le impressioni della gara nella breve attesa delle classifiche.

 

In breve si procede con la vestizione delle maglie ai vincitori del Giro del Canavese che sono: Gaetano Bologna (Cicli Dedonato), Lorenzo Alladio (N.S.S.V. 1794), Mirko Vieta (Sutalatur), Alessandro Picco (Bike Delu Mapei), Mauro Perucca (Team Bike Pancalieri), Paolo Bianchi (Bicistore Cycling Team), Domenico Succio (Ultra Team), Giovanni Fedrigo (Zard Cavallino Rosso) e Samanta Bellinzona (G.C. Varzi), che insieme ad Antonio Dedonato, alla Miss Cicli Dedonato Elisa e alla Coadiutrice Nazionale Csain Ciclismo Elisa Zoggia fanno le foto di rito. Si procede quindi con la premiazione di giornata, mentre le nuvole iniziano ad addensarsi e ancora una volta la primavera si fa attendere.

Download
Classifica La Cassa 5 Maggio.pdf
Documento Adobe Acrobat 456.6 KB
Download
Classifica Provinciale Strada 1 Serie.pd
Documento Adobe Acrobat 513.1 KB
Download
Classifica Finale Giro del Canavese.pdf
Documento Adobe Acrobat 531.9 KB

Comunicazioni dalla gara di Pessione del 11/5

Gli organizzatori del 14° Memorial Domenico Barosso, in programma sabato 11 maggio, comunicano:

"Come ogni anno Vi ringraziamo anticipatamente per il tanto interesse dimostrato in vista della nostra classica di Maggio e abbiamo lavorato sodo per una grande novità!
Premiazione di prima e di seconda serie!
Vi aspettiamo numerosi per una giornata di ciclismo all’insegna del divertimento!"

A Caramagna Piemonte vincono Marco Moretti e Fabrizio Fontana

Download
Classifica Caramagna 1 maggio.pdf
Documento Adobe Acrobat 462.0 KB
Download
Classifica Provinciale 2 serie alla 2 pr
Documento Adobe Acrobat 498.6 KB

Alain Seletto e Amos Rosazza conquistano la seconda prova del Giro del Canavese

 Ultimo sabato di aprile, finalmente dopo alcuni giorni di pioggia e temperature basse è il caldo sole primaverile ad accogliere i ciclisti presso il Ristorante La Rocchetta, dove è stato allestito il ritrovo per la seconda prova del Giro del Canavese 2019.

Le impressioni possono ingannare, il luogo è il medesimo della prima prova ma tale non è il percorso: per la prova centrale del Giro del Canavese è stato scelto un tracciato organizzativamente impegnativo, di quelli che la passione conduce ad affrontare ogni anno nonostante le difficoltà e il riscontro non sempre appagante che una gara con piccole salite ha tra i partecipanti.

Qualche numero per dare l’idea di cosa si parla: sono trenta le persone della protezione civile poste nei punti sensibili per gestire il traffico, oltre alle numerose auto e moto di scorta tecnica al seguito della gara.

Si parte in direzione di Pertusio e si sale a Rivara per poi affrontare la breve discesa tecnica e proseguire verso Levone, Barbania e Front prima di tornare a Busano, un giro lungo 23 chilometri da affrontare tre volte prima di tagliare il traguardo.

Tra i giovani dopo pochissimi chilometri in tre prendono il largo: sono Lorenzo Alladio (N.S.S.V. 1794), Diego Prot (Sanetti Sport) e Gianluca Ravagnani (P.C.S). Di buon accordo i tre mantengono un vantaggio rassicurante per i primi due giri, poi all’ultimo giro vengono ripresi dai cinque inseguitori che nel frattempo si sono staccati dal gruppo. Sono ora in otto, ma il traguardo si avvicina e la tattica è essenziale per prevalere sugli avversari: iniziano le scaramucce, la fuga si spacca. In cinque si avvantaggiano, con uno scatto fulmineo Alain Seletto (Bicisport) sorprende tutti e va a vincere a braccia alzate davanti a Gaetano Bologna (Cicli Dedonato), Giancarlo Albiero (Tredici Scott Matergia), Lorenzo Alladio e Tommaso Crivellaro (Granbike). Con un discreto distacco sopraggiungono ancora Carmelo Marchetta (Pedalando in Langa), Gianluca Ravagnani e Diego Prot.

Tra i gentlemen sono Massimo Bosticco (Cicli Polonghera) e Amos Rosazza (Sanetti Sport) a prendere l’iniziativa al primo giro e mettere in atto la fuga che sarà decisiva: la velocità alta ed i cambi regolari assicurano la riuscita dell’impresa mentre alle loro spalle i tentativi di colmare il distacco sfaldano inesorabilmente il gruppo. Sul tratto finale è il portacolori della Sanetti Sport a sorprendere l’avversario scattando in anticipo, Bosticco non è pronto a reagire e Amos Rosazza va a tagliare il traguardo tra gli applausi del pubblico.

 

 

Download
Classifica Giro del Canavese 2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 547.1 KB

Alberto Cristiano timbra la prima prova del Giro del Canavese 2019

 Il Canavese, territorio dalla grande tradizione ciclistica che ha dato i natali a tanti campioni delle due ruote, a maggio sarà protagonista con il passaggio del Giro d’Italia che arriverà a Ceresole Reale e che porta con sé numerosi eventi collaterali con una nuova energia nei paesi che ne sono coinvolti.

E così accade che a Busano, classico ritrovo per gli appassionati di ciclismo amatoriale, prenda il via giovedì 25 aprile il Giro del Canavese, l’evento a tappe che ogni anno assegna le maglie rosa ai leader di ogni categoria, fiore all’occhiello di un movimento che da sempre crede nel valore di un territorio che talvolta le stesse divisioni interne non permettono di valorizzare.

Saranno tre le prove da affrontare nell’edizione 2019 del Giro del Canavese, percorsi adatti a caratteristiche differenti per una competizione avvincente.

Nonostante le previsioni meteorologiche non positive un raggio di sole illumina la partenza degli iscritti alla prima prova del Giro che prendono il via dal Ristorante La Roccchetta, sede della A.S.D. La Compagnia dei Ciclisti che organizza questa manifestazione in memoria del compagno di tante pedalate Cesare Scalise.

Fin dal primo dei cinque giri del circuito si scatena la bagarre: subito Roberto Panepinto e Bruno Dellerba danno vita a una fuga, ma il gruppo reagisce prontamente e al secondo giro i battistrada vengono riassorbiti. E’ Massimo Grappeja a cogliere l’occasione per partire in contropiede, subito seguito da Dellerba, Alberto Cristiano, Davide Caresio, Diego Dall’Osto e Mauro Perucca: è la fuga giusta, il gruppo non li riprenderà più.

All’ultimo chilometro Bruno Dellerba tiene alta la velocità, partono in volata Davide Caresio e Alberto Cristiano in un testa a testa deciso solo sulla linea del traguardo dove Alberto Cristiano ha la meglio su Caresio, terzo si classifica Mauro Perucca davanti a Dellerba, Diego Dall’Osto e Massimo Grappeja.

 

Tempo di liberare la strada e prende il via la gara riservata alla seconda serie, le nubi iniziano ad addensarsi ma si corre ancora sull’asciutto. In due prendono il largo fin dai primi chilometri: Andrea Donna (Rodman Azimut Squadra Corse) e Giancarlo Albiero (Tredici Scott Matergia), che di comune accordo aumentano il vantaggio mentre il gruppo tarda a reagire. La gara è decisa, il plotone tenta un tardo recupero ma i due non cedono e nelle ultime centinaia di metri si lanciano in una lunga volata vinta dal portacolori della Rodman Andrea Donna. Il gruppo è regolato da Paolo Lussiana (Sc Piossasco) davanti a Tonino Matergia (Tredici Scott Matergia) e Massimo Bonaudo (Pedalando in Langa).

Download
Classifica Memorial Scalise Seconda Seri
Documento Adobe Acrobat 450.5 KB
Download
Classifica Prima Prova Giro del Canavese
Documento Adobe Acrobat 451.2 KB

La carica dei 101…e oltre al Campionato Regionale Csain Mtb

Danilo Allamanno, Valter Casalegno, Cerruti But Gabriele, Marta Giaccaglia, Augusto Bosio, Cristina Cavallin, Simone Amadio, Massimiliano Cossano, Riccardo Ornaghi, Dario Berardi, Graziano Zanolla, Massimo Salone e Simone Ballini sono i Campioni Piemontesi Mtb 2019

 

Barone Canavese è un piccolo centro abitato adagiato sulla collina morenica di fronte all’anfiteatro morenico di Ivrea, con una prospettiva privilegiata sul Lago di Candia, feudo nel medioevo dei Conti di Valperga e sede del castello noto per essere una delle più importanti architetture barocche del canavese. E proprio in questa amena località giovedì 25 aprile si è radunata l’orda delle ruote grasse piemontesi per disputare la prova principe del calendario fuoristrada, la più blasonata dopo il tricolore: il Campionato Regionale Mtb Csain 2019.

Nonostante le previsioni non proprio positive un raggio di sole illumina la chiesa del 1700, accanto alla quale fin dalle prime ore del mattino lo staff di Gianni Riconda e Carmine Catizzone sono all’opera per definire gli ultimi dettagli di quello che nasce come gara e presto si definisce come vero evento sportivo da annoverare tra i più belli della stagione. Dal ritrovo al tracciato, fino alla scenografia delle premiazioni ogni dettaglio è importante per accogliere gli appassionati della mountainbike, che consci della passione di questo gruppo non tardano a presentarsi anche da oltre regione per ritirare il pettorale.

Il tracciato è tecnico e impegnativo e si dichiara fin dal tratto di lancio: una salita mozzafiato lunga poco meno di un chilometro che è solo l’antipasto di quello che attende i partecipanti nel verde della collina. Un breve tratto pianeggiante per transitare sui tappeti del rilevamento cronometrico e si riparte in salita tra il verde brillante della vegetazione che abbraccia il sentiero fino alla chiesetta davanti alla quale il percorso si inchina e dalla quale gli spettatori possono godere di uno splendido panorama, poi tratti tecnici da guidare e la discesa che riporta sul pianoro dell’arrivo: 6 chilometri da affrontare quattro volte per le categorie dagli Junior ai Gentlemen 1, tre volte per le altre categorie.

La partenza divisa per categorie scongiura ingorghi nel tratto di lancio, partono per primi Junior e Senior seguiti a un minuto di distanza dai Veterani, quindi Gentlemen1, Gentlemen 2, Supergentlemen A e B, Debuttanti, Donne e Primavera. Al comando fin da subito è Simone Veronese (PCS), che subisce però una foratura dopo pochi chilometri ed è costretto al ritiro cedendo lo scettro a capitan Sergio Viola (Team Media Bike), che terrà saldo il comando fino a tagliare il traguardo a braccia alzate sotto il gonfiabile sull’arrivo mantenendo una ventina di secondi di vantaggio sul secondo Veterano 1 Massimiliano Cossano (Bican) che conquista comunque il titolo regionale. Terzo assoluto e campione regionale per la categoria Senior 2 Riccardo Ornaghi (Fulvia Pagliughi) e ai piedi del podio assoluto ma trionfante nella classifica regionale dei Veterani 2 il portacolori del Cusatibike Racing Team Dario Berardi davanti al capitano dei Bikers Team Roberto Lo Iacono. Graziano Zanolla (Lessona Bike Team) domina la classifica dei Senior 1 tagliando il traguardo in sesta posizione assoluta davanti a Fabrizio Antonio Crisafi (Bikers Team) e Giacomo Ala (Pedale Leynicese).

Tra i Gentlemen 1 la vittoria di categoria va a Carmelo Cerruto (Hr Team) ma la maglia viene conquistata da Massimo Salone (Team Pedale Pazzo), mentre tra gli Junior vittoria e maglia ricadono sulle spalle di un fortissimo Simone Ballini (Agrate Conturbia) che chiude la prova in un’ora e 30 minuti infliggendo un minuto e mezzo di distacco a Marco Raimondo (Fulvia Pagliughi) e Stefano Caravario (Canavese Mtb).

Applauditissimo all’arrivo il Primavera Campione Regionale Simone Amadio (Pedale Leynicese) che da prova delle sue capacità chiudendo la sua gara in 1 ora e 5 minuti.

Tra quanti devono affrontare 3 giri del percorso il dominio assoluto è di Eugenio Cossetto (Rock Bike Team) ma il titolo regionale è meritatamente sulle spalle dell’inossidabile Valter Casalegno (Bikers Team) che arriva terzo assoluto, tra i due taglia il traguardo e conquista il titolo tra i debuttanti Danilo Allamanno (Fulvia Pagliughi) davanti al compagno di squadra Marco Campesato.

Tra i Supergentlemen A vittoria e maglia per Gabriele Cerruti But (Free Bike Trivero) su Giuliano Garlaschè (Auzate), mentre la vittoria tra i Supergentlemen B è di Aldo Allegranza (Auzate) ma il titolo viene conquistato da Augusto Bosio (Bikers Team) e chiude il podio Matteo Petrucci (Team Fratelli Oliva).

La gara al femminile viene vinta da Marta Giaccaglia (Bikers Team), festeggiatissima dai compagni di squadra prima e dopo le premiazioni, davanti a Laura Vecchio (Agrate Conturbia) e Rocca Ilaria (Team Media Bike), mentre tra le Donne B trionfa Maria Elena Mastrolia (D’Orsogna Racing Team) su Rosella Bazzarello (Team Media Bike) e la neo campionessa regionale Cristina Cavallin (Lessona Bike Team).

Rientrati alla zona del ritrovo il ricco rinfresco è l’occasione perfetta per scambiare i commenti post gara e recuperare le energie mentre le classifiche vengono esposte e presto si procede con la cerimonia di premiazione. E’ il grande Gianni Riconda a dare fuoco alle polveri ringraziando gli organizzatori per l’impegno profuso e tutti i partecipanti che hanno decretato il successo della manifestazione. Ai suoi ringraziamenti si unisce la Coadiutrice Nazionale Csain Ciclismo Elisa Zoggia, che aggiunge un suo personale ringraziamento a tutto lo staff per la gestione del movimento fuoristrada che nel 2019 sta conoscendo un grande sviluppo e a Carmine Catizzone, che impegni famigliari richiamano fuori regione ma non ha rinunciato ad essere presente fino alla fine in questa importante occasione, regalando come consueto un completo servizio fotografico della giornata.

Si procede pertanto, tra applausi e festeggiamenti, alla consegna delle maglie ai neo laureati Campioni Regionali Mtb Csain 2019 seguita dalle foto di rito. Quindi alla premiazione dei vincitori di ogni categoria cui vengono consegnati apprezzatissimi mazzi di asparagi in vece dei classici fiori, e poi la premiazione del podio della classifica a squadre con trofei artigianali e uova di pasqua vinta dalla Bikers Team, seconda la Lessona Bike Team e terzo il Pedale Leynicese.

 

E mentre le uova di cioccolato diventano golosa occasione di festa e qualcuno viene incartato, si procede alla premiazione di tutte le categorie con le relative foto, a degna conclusione di una giornata di sano sport

Download
Generale_3Giri_BaroneCanavese.pdf
Documento Adobe Acrobat 145.7 KB
Download
Generale_4Giri_BaroneCanavese.pdf
Documento Adobe Acrobat 147.1 KB

Si comunica che la gara di domenica 14 aprile ad Osasio è annullata


Antonio Mostaccioli e Dario Ferracin vittoriosi a Foresto di Caramagna

 Caramagna Piemonte, comune al confine tra le province di Torino e Cuneo, che nel 1706 ospitò la corte sabauda in fuga dalla Torino assediata dai francesi, e con essa la Santa Sindone, è un territorio in aperta campagna che nel corso dei secoli più volte ha dovuto soffrire saccheggi e carestie ad opera di eserciti in guerra che qui si accampavano.

E qui, dove la vita scorre con un ritmo meno serrato delle grosse città, lo sport all’aria aperta trova una sua naturale collocazione. Accade così che da alcuni anni, complice anche il buono stato di manutenzione delle strade, si svolgano in questi luoghi gare ciclistiche amatoriali, come in questo primo sabato di aprile.

Le nubi già incombono sul capoluogo piemontese, ma sulla frazione Foresto di Caramagna ancora qualche raggio di sole splende nelle prime ore del pomeriggio di sabato 6 aprile, quando la Delegazione Csain di Torino ha organizzato la prima prova del Campionato Provinciale Strada 1^ serie: un campionato lungo 8 prove che accompagnerà gli appassionati di ciclismo lungo tutta la stagione per concludersi agli inizi di settembre e coinvolgendoli in un’appassionante sfida a colpi di pedale.

Sono circa 120 i partecipanti che prendono il via divisi nelle consuete due partenze e scortati come sempre dalle auto e moto di Scorta Tecnica.

Il circuito è lungo 26 chilometri da ripetere tre volte, le sole asperita sono una manciata di cavalcavia ma la durezza della gara è data dalle forze in campo. Tra i giovani dopo pochi chilometri prende il largo una fuga a tre formata da Antonio Mostaccioli (Arredamenti Berutti), Gianluca Ravagnani (PCS) e Giovanni Dracone (Vigor). Il gruppo non è pronto a reagire ed i tre battistrada al contrario spingono di comune accordo. Alla fine del primo giro un breve errore di percorso del gruppo consegna definitivamente la gara nelle mani dei fuggitivi: il plotone torna presto sulla strada giusta ma ormai il distacco supera il minuto e mezzo, quasi incolmabile considerato il ritmo serrato imposto da Mostaccioli, Ravagnani e Dracone.

Un secondo giro all’inseguimento e dal gruppo si avvantaggia una manciata di inseguitori: sono una dozzina, con cambi regolari si mantengono sospesi tra i fuggitivi ed il gruppo, non riuscendo a colmare la distanza dai primi ma non rinunciando mai a combattere. Ultimi chilometri, da Sommariva del Bosco si svolta in direzione di Foresto ed un solo cavalcavia divide i fuggitivi dal traguardo: la volata è lunga, all’ultimo chilometro Gianluca Ravagnani perde le ruote dei compagni e il duello diventa serrato, sulla linea del traguardo è il guizzo di Antonio Mostaccioli a vincere davanti a Giovanni Dracone, seguiti da presso da Ravagnani che chiude il podio. Anche gli inseguitori si sfilacciano nelle ultime fasi della gara, sul traguardo le ruote più veloci sono quelle di Daniel Altare (G.S. Passatore) davanti a Maurizio Melis (Tredici Scott Matergia).

Una fuga si dimostra decisiva anche nella seconda partenza: nei primi chilometri Roberto Panepinto (Vigor) da fuoco alle polveri e in breve viene raggiunto Giovanni Fedrigo (Zard) e poi da Diego Dall’Osto (A.P.D. Pessionese), Dario Ferracin (Vigor) e Alberto Limone (Vigor). Insieme faranno tutta la gara al comando, dal gruppo al secondo giro evadono altri tre nel tentativo di riprendere i fuggitivi: Ugo Benedetto (A.P.D. Pessionese), Massimo Grappeja (Team Bike Pancalieri) e Giuseppe Dell’Atti (Terre della Granda), non prenderanno i primi ma si giocheranno le posizioni di categoria.

La lunga volata viene vinta a braccia alzate da Dario Ferracin sulla nuova divisa verde di Diego Dall’Osto e a pochi metri da loro completa il podio il combattivo Roberto Panepinto. Quarto e primo Supergentlemen B Giovanni Fedrigo, e alla sua ruota chiude la fuga Alberto Limone. Tra gli inseguitori ha la meglio Massimo Grappeja che taglia il traguardo davanti a Ugo Benedetto e Giuseppe Dell’Atti.

Le nubi iniziano a chiudersi sul cielo cuneese e mentre inizia la cerimonia di premiazione la pioggia promessa dalle previsioni inizia a scendere battente, ma non compromette le foto di rito scattate sotto la protezione del dehor del Deli Cafè.

 

 

Download
Classifiche Foresto 6 aprile.pdf
Documento Adobe Acrobat 516.0 KB

In 200 prendono il via al 19° Trofeo Casa UGI

 La monorotaia di Torino, realizzata in occasione dell’Esposizione Internazionale del Lavoro del 1961 e rimasta inutilizzata dal 1963, ha lasciato nel quartiere di Italia ‘61 una ben visibile testimonianza della sua breve vita in quella che inizialmente era la Stazione Nord. In bella mostra per coloro che transitano in Corso Unità d’Italia sono rimasti l’ultimo tratto della monorotaia sito sopra il laghetto e proprio la stazione Nord, che in occasione dei XX Giochi Olimpici Invernali del 2006 svolti nel capoluogo piemontese il comune di Torino decise di ristrutturare e destinare a Casa UGI, onlus nata nel 1980 che ha per scopo quello di offrire alle famiglie dei bambini ricoverati all’ospedale Regina Margherita un sostegno durante tutto il percorso di cura.

E proprio a casa UGI ormai da molti anni il Team Monviso dedica una manifestazione cicloturistica sotto egida Csain, testimonianza dello stretto rapporto che intercorre durante tutta la stagione tra il cicloturismo e la beneficenza.

Una manifestazione giunta ormai alla 19^ edizione, molto sentita dal gruppo del presidente Silvano Rossi, e molto partecipata per la sua finalità da tutte le squadre del cicloturismo torinese, che non mancano mai di far sentire il loro appoggio quando si tratta di aiutare i meno fortunati.

Il sole ancora splende nelle prime ore di sabato 6 aprile, mentre sotto il porticato di Casa UGI i partecipanti si radunano per prendere il via sotto lo sguardo benevolo della collina torinese: saranno in duecento a comporre il gruppo che si avvia costeggiando il parco del Po facendo rotta verso Moncalieri e le strade di campagna che permettono di pedalare serenamente godendo delle sfumature del verde interrotte da cuscini di fiori. Una sessantina di chilometri il percorso, che attraversa i comuni di Villastellone, Pralormo e Poirino prima di rientrare in direzione di Moncalieri e Torino, mentre le nubi annunciate dalle previsioni iniziano ad addensarsi nel cielo che ormai minaccia l’arrivo della pioggia.

Al rientro a Casa UGI il rinfresco offerto dall’organizzazione, a base di colombe pasquali e bibite, rinfranca i ciclisti dalle fatiche.

Prima della premiazione un minuto di silenzio: tutti i partecipanti si stringono intorno a Silvano Rossi e a tutto il Team Monviso ricordando l’amico di tante pedalate Domenico Camassa, scomparso prematuramente il giorno prima. Alla sua passione dobbiamo molti album di fotografie regalate al movimento cicloturistico, e sulla sua collaborazione il Team Monviso e lo staff Csain ha sempre potuto contare, anche negli ultimi mesi in cui ha lasciato la bicicletta in cantina. Ognuno dei presenti condivide ricordi di piacevoli pedalate in sua compagnia e un lunghissimo applauso è il saluto che il gruppo gli tributa.

Si procede quindi alla premiazione, gestita come consueto dal Delegato del Cicloturismo Francesco Gioberti insieme al presidente del Team Monviso Silvano Rossi e a una rappresentanza di Casa UGI, cui viene devoluto l’incasso della manifestazione che è vinta dal Gruppo dei Polesani davanti alla Ferrero di Alba e al Frejus.

Le prime gocce di pioggia iniziano a scendere, preannunciando quella che sarà una fredda domenica, mentre torniamo a casa con una sensazione insieme dolce e amara ma felici di condividere insieme ancora giornate di sport.

 

 

Alberto Rossi e Efrem Gecchele trionfano sulla prima prova del Provinciale 2^ serie di Torino!

Murello, feudo medievale donato ai cavalieri templari nel 1211 dal Marchese Guglielmo di Busca e da loro bonificato e tenuto per circa un secolo prima che fosse ceduto ai cavalieri di Malta. Della sua avvincente storia permangono il Castello , fortificato fino al secolo scorso, e la chiesa. Qui, in questo luogo pregno di storia, dove il sindaco lungimirante ha concesso la chiesa dismessa come sede per una mostra, prende il via nell’ultimo sabato di marzo il Campionato Provinciale 2^ serie Csain Torino.

Sette avvincenti prove che prendono il via in questo soleggiato pomeriggio di primavera e ci accompagneranno lungo tutta la stagione fino a fine settembre, quando verranno assegnati i titoli di Campione Provinciale e consegnate le maglie.

Al Caffè Italia, che come consueto ospita il ritrovo delle manifestazioni ciclistiche, sono 150 i ciclisti che si susseguono al tavolo delle iscrizioni, pronti a prendere il via.

Il circuito è pianeggiante, per evitare il tratto di asfalto più rovinato dalla parte di Racconigi ormai da un anno si affronta il tracciato attraverso Villanova Solaro e Ruffia per poi tornare infine in direzione di Murello, poco più di 14 chilometri completamente piatti da ripetere cinque volte per un totale di 71 chilometri di gara mozzafiato.

La partenza è suddivisa come consueto nei due gruppi, scortati da auto e moto di scorta tecnica e anticipati dalla pattuglia dei carabinieri grazie ai quali gli automobilisti sono molto disciplinati.

Prendono il via per primi giovani e veterani, la velocità è subito alta e i tentativi di fuga vengono rapidamente resi vani dalla reazione immediata del gruppo e alle trainate di Team Poirinese, Tredici Scott Matergia e La Mattanza che tengono sotto controllo la gara.

Ultimi chilometri, il gruppo prepara la volata ma è la divisa verde Passatore di Alberto Rossi ad anticipare tutti con un guizzo imprevedibile e andare a tagliare il traguardo a braccia alzate tra gli applausi del pubblico. A pochi metri da lui Luza Zavattero (Roracco) e Simone Vicari (Bikevo Mobili Casaccia) completano il podio. Il Debuttante Leonardo Donati, che più volte durante la gara abbiamo visto nelle prime posizioni del gruppo, conclude la sua prova nella pancia del gruppo, a distanza dai pericoli della volata, lasciando i presenti nella certezza che presto lo vedremo nuovamente in cima alle classifiche.

Copione differente per la seconda partenza, dove dai primi chilometri prende il largo la fuga di Angelo Dalponte (Cavirio Pro Team), Paolo Fornasari (Fornasari Auto), Efrem Gecchele (La Loggia) e Silvio Donati (Team Santisiak). Il gruppo si controlla e non riesce a colmare la distanza nonostante i vari tentativi, ed i quattro mantengono il vantaggio fino alla fine con la vittoria di Efrem Gecchele su Silvio Donati ,Paolo Fornasari e Angelo Dalponte. Qualche metro alle loro spalle sopraggiunge Franco Tilatti (Team Santysiak) e Giuseppe Dell’Atti (Terre della Granda) , che lasciato il gruppo hanno quasi raggiunto i fuggitivi sul traguardo. La volata del gruppo è vinta da Pasquale Nuzzo (Bike Team A Ruota Libera), mentre il duello al femminile è vinto da Paola Oberto (G.S. Passatore) davanti alla combattiva Laura Semeria (U.C. Sanremo)

 

In breve si procede con le premiazioni e le foto di rito, prima di rincasare con la soddisfazione di aver trascorso un piacevole pomeriggio sportivo.

Download
Classifica Murello 30 Marzo.pdf
Documento Adobe Acrobat 520.3 KB

Maurizio Melis e Amos Rosazza vittoriosi a Busano

 Sabato 23 marzo, la primavera è iniziata da appena un paio di giorni ma il sole splende nel cielo terso e la temperatura profuma d’estate più che ricordare l’inverno appena terminato.

Dopo tre settimane dedicate al classico Criterium d’Inverno è tempo di aprire le danze anche con la seconda serie su strada ed il luogo prescelto per questo esordio è Busano.

Qui al Ristorante La Rocchetta, noto per ospitare numerose manifestazioni durante l’anno, Luciano Spanò ed il suo staff hanno approntato il dehor per l’occasione, dove i partecipanti si avvincendano per procedere con le iscrizioni. Il percorso è il triangolo della favriasca, su queste stesse strade fra alcune settimane transiterà il Giro d’Italia, che ci auguriamo porti ulteriori lavori di manutenzione al manto stradale oltre ai miglioramenti che già oggi possiamo riscontrare.

Due le partenze previste: Junior, Senior 1 e 2 e Veterani 1 e 2 compongono il primo gruppo, una sessantina al via. Dalla Rocchetta si procede ad andatura controllata fino alla rotonda dove si svolta per Favria: la macchina di Inizio Gara allunga ed è subito battaglia. In sei evadono dal gruppo dando vita alla prima fuga, lasciandosi alle spalle un basito gruppo compatto che non reagisce prontamente e per più di metà gara si limita ad inseguire sotto gli occhi vigili dei volontari del gruppo Base Luna che come consueto presidiano le intersezioni e dei carabinieri che contribuiscono alla sicurezza della gara. Al quarto dei sei giri previsti altri tre si prendono il largo lanciandosi in un inseguimento mozzafiato, e agli ultimi dieci chilometri riescono ad agganciare i fuggitivi. Iniziano le fasi di studio, si tentenna in attesa della volata, ed in questo momento sospeso Maurizio Melis (Tredici Scott Matergia) e Lorenzo Boccardo (Team Poirinese) sorprendono gli avversari che non riescono a rispondere al loro scatto: è una battaglia a colpi di pedale che nessuno dei due vuole perdere, una lunga volata che viene vinta sulla linea del traguardo da Maurizio Melis su Lorenzo Boccardo. Alle loro spalle chiude il podio Andrea Donna (Rodman Azimut Squadra Corse) davanti ai compagni di fuga Giancarlo Albiero (Tredici Scott Matergia), Diego Prot (Sanetti Sport), Luca Gentile (Pedale Settimese), Ivan Cesarin (Tredici Scott Matergia), Carmelo Amore (Ultra Team) e Giancarlo Lattarulo (Breviario).

Alle loro spalle, decimo assoluto, è il Debuttante Leonardo Donati (Tredici Scott Matergia) astro nascente della squadra e già forte di alcune maglie vinte.

Gentlemen 1 e 2, Supergentlemen A e B e Donne danno vita alla seconda partenza: fin dai primi chilometri si lancia all’attacco Amos Rosazza (Sanetti Sport) e da quel momento è una lunga cronometro individuale. Il gruppo alle sue spalle resta compatto all’inseguimento ma non riesce a rimontare e Amos Rosazza conclude festeggiando a braccia alzate la sua ultima gara di seconda serie della stagione. Il gruppo che nel frattempo si è sfaldato è anticipato da Silvio Ricchitelli (Granbike) vincitore della categoria Supergentlemen A, Nuccio Bonetto (Sutalatur) e Sandro Spinelli (GT Bianchi). Tra i Supergentlemen B vince Lori Cillerai (Rodman Azimut Squadra Corse) davanti a Mauro Albertino (Tessiore).

Ottima anche la prestazione della ciclista della PPR Team Serena Balsamo, che conclude la sua gara nel gruppo.

Il tempo di stilare le classifiche è breve e presto si procede alle premiazioni con cesti e borse di prodotti gastronomici per categoria.

E in un istante il Bar della Rocchetta viene preso d’assalto da partecipanti e staff della gara, uniti a vedere gli ultimi chilometri della Milano Sanremo corsa dai loro beniamini.

Appuntamento sabato 30 marzo a Murello con il primo atto del Campionato Provinciale 2^ serie!

 

ORDINE DI ARRIVO

Nome Gara: G.P. APERTURA 2^ SERIE

Organizzata da: As Ciclismo 

CLASSIFICA 1^ PARTENZA

POS.

ASS.

PETT.

ATLETA

CAT.

TESS.

COD.

SOCIETA'

1

1

37

MELIS MAURIZIO

V2

AM832381

041TO

TREDICI SCOTT MATERGIA

2

2

12

BOCCARDO LORENZO

JUN

AM825947

01TO062

TEAM POIRINESE

3

3

32

DONNA ANDREA

JUN

AM825066

034TO

RODMAN AZIMUT SQUADRA CORS

4

4

4

ALBIERO GIANCARLO

S1

AM831704

041TO

TREDICI SCOTT MATERGIA

5

5

15

PROT DIEGO

V2

7968989

01AL041

SANETTI SPORT

6

6

51

GENTILE LUCA

V2

7928217

01TO015

PEDALE SETTIMESE

7

7

44

CESARIN IVAN

S2

AM831709

041TO

TREDICI SCOTT MATERGIA

8

8

19

AMORE CARMELO

V1

AM831458

243378

ULTRA TEAM

9

9

55

LATTARULO GIANCARLO

V2

A075952

02J2151

BREVIARIO BONATE SOPRA

10

10

2

DONATI LEONARDO

DEBM

AM826675

041TO

TREDICI SCOTT MATERGIA

11

11

5

GUERCILENA MARCO

V1

7924939

01TO008

PROGETTO CICLISMO SANTENA

12

12

49

CARAVINO MASSIMO

V2

AM826874

01TO049

ULTRA TEAM

13

13

43

BONALDO FABIO

V1

AM834619

037TO

LA MATTANZA

14

14

35

GAMALERO ANDREA

V1

190674837

0695

CAFASSE

15

15

11

PARZANESE GIANLUIGI

V2

A135594

02J2151

BREVIARIO BONATE SOPRA

16

16

26

COLIA ENRICO

JUN

A164504

01S2100

PPR CYCLING

17

17

3

LUSSIANA PAOLO

V2

7911487

01TO068

S.C. PIOSSASCO

18

18

29

POLI MASSIMILIANO

V2

AM834622

037TO

LA MATTANZA

19

19

57

DE LUCA ROBERTO

V1

AM827527

01TO062

TEAM POIRINESE

20

20

14

NOCITA ALESSIO

JUN

AM831707

041TO

TREDICI SCOTT MATERGIA

21

21

20

NOCERA ANDREA

JUN

7955329

01TO018

CUSATIBIKE

22

22

23

DEGIOVANNI PAOLO

V1

7972055

01TO018

CUSATIBIKE

23

23

48

BALSAMO VINCENZO

S1

A112868

01S2100

PPR CYCLING

24

24

24

TORRE VINCENZO

S1

AM827883

043TO

BIKERS TEAM

25

25

13

ARRIGO ORAZIO

V1

AM827021

043TO

BIKERS TEAM

26

26

6

PERINO ENRICO

S1

AM831706

041TO

TREDICI SCOTT MATERGIA

27

27

34

BAROETTO ANDREA

S1

AM826672

041TO

TREDICI SCOTT MATERGIA

28

28

25

MORELLI CLAUDIO

V1

AM832378

043TO

BIKERS TEAM

29

29

10

BAIMA BESQUET FABIO

S2

A144742

01S2329

ROCK BIKE

30

30

47

LOCANETTO RICCARDO

V2

7916337

01TO049

ULTRA TEAM

31

31

38

GENDUSA VALENTINO

S2

AM834617

037TO

LA MATTANZA

32

32

53

PARISI DOMENICO

V2

AM827522

01TO062

TEAM POIRINESE

33

33

18

MAGARIELLI DONATO

S2

AM833515

01TO062

TEAM POIRINESE

34

34

45

MILETTO STEFANO

V1

AM831024

01TO049

ULTRA TEAM

35

35

50

DIGITALI FABIO

S1

A164212

02J2151

BREVIARIO BONATE SOPRA

36

36

33

BONINO IVANO

V1

190821952

0665

TEAM FANTOLINO

37

37

42

VERGA ANDREA

S2

AM831465

243378

ULTRA TEAM

38

38

21

CAREDDU BACHISIO RAIMONDO

V1

AM831710

041TO

TREDICI SCOTT MATERGIA

39

39

7

AGHEMO DAVIDE

V2

AM832238

036TO

SIXS BOSCARO

40

40

28

AIMAR STEFANO

JUN

AM831469

243378

ULTRA TEAM

41

41

30

VALVANO LUCIANO

S2

AM831457

243378

ULTRA TEAM

42

42

9

SICILIANO DANILO

V1

AM832225

036TO

SIXS BOSCARO

43

43

40

MELIS NICOLO'

JUN

AM832380

041TO

TREDICI SCOTT MATERGIA

44

44

22

MILANO MAURO

S2

7967536

01TO018

CUSATIBIKE

45

45

31

GROSSO ROBERTO

V2

7909391

01TO049

ULTRA TEAM

46

46

8

MASTROMAURO FEDERICO

S1

AM825948

01TO062

TEAM POIRINESE

47

47

41

BERTAGNA ANDREA

V1

AM834616

037TO

LA MATTANZA

48

48

52

GATTUSO MATTEO

S2

7967402

01TO049

ULTRA TEAM

 

CLASSIFICA 2^ PARTENZA

POS.

ASS.

PETT.

ATLETA

CAT.

TESS.

COD.

SOCIETA'

1

1

14

ROSAZZA AMOS

G1

7968990

01AL041

SANETTI SPORT

2

2

215

RICCHITELLI SILVIO

SGE/A

7916191

01TO025

GRANBIKE

3

3

203

BONETTO NUCCIO PIER AUGUSTO

SGE/A

7963693

01TO061

SUTALATUR

4

4

32

SPINELLI SANDRO

G1

A169545

02G3482

DT BIANCHI

5

5

24

FERRANDO FERNANDO

G2

AM829429

240548

PENTA BIKE

6

6

223

LAVEZZO GIOVANNI

SGE/A

7939820

01CN002

TEAM BIKE PANCALIERI

7

7

22

GILETTA VALTER

G2

7940000

01CN029

VIGOR CYCLING TEAM

8

8

211

SUCCIO DOMENICO

SGE/A

AM831461

243378

ULTRA TEAM

9

9

6

CASTELLO GIUSEPPE

G2

AM825094

001TO

AS CICLISMO

10

10

4

MATERGIA TONINO

G1

AM826673

041TO

TREDICI SCOTT MATERGIA

11

11

38

FERRARI GIUSEPPE

G2

AM829208

043TO

BIKERS TEAM

12

12

2

MORETTI MARCO

G2

AM830558

016TO

CICLI DEDONATO

13

13

219

TILATTI FRANCO

SGE/A

7907758

01CN019

TEAM SANTYSIAK

14

14

26

ZAMBELLO ROBERTO

G2

AM828290

014TO

A.P.D. PESSIONESE

15

15

40

PEROGLIO CLAUDIO

G2

7939211

01CN002

TEAM BIKE PANCALIERI

16

16

8

SARACCO EZIO

G2

AM832246

001TO

AS CICLISMO

17

17

213

SORO RICCARDO

SGE/A

7930702

01TO068

S.C. PIOSSASCO

18

18

16

CHESSA ANDREA

G2

AM825921

030TO

ST FUTURA BENESSERE

19

19

28

ZAMBELLO DIEGO

G1

AM828289

014TO

A.P.D. PESSIONESE

20

20

201

BARBIERI GIORGIO MARIA

SGE/A

AM830620

016TO

CICLI DEDONATO

21

21

206

CILLERAI LORI

SGE/B

AM824810

034TO

RODMAN AZIMUT SQUADRA CORS

22

22

217

CASALE SERGIO

SGE/A

AM835357

01TO049

ULTRA TEAM

23

23

202

ALBERTINO MAURO

SGE/B

A175396

01E1883

TESSIORE

24

24

20

BATTAGLIA SALVATORE

G2

7947814

01TO049

ULTRA TEAM

25

25

10

LUSSIANA DINAT SERGIO

G2

7954483

01TO063

SCOTT SUMIN

26

26

30

COZZO DANIELE

G1

AM827517

01TO062

TEAM POIRINESE

27

27

225

BALSAMO SERENA

DON/A

A167353

01S2100

PPR CYCLING

 

 

 

Si è concluso a Osasio il Criterium d'Inverno

Antonio Mostaccioli, Stefano Caporali e Guido Ragazzini sugli scudi ad Osasio!

 

Siamo ormai alla terza settimana di competizioni ciclistiche su strada nella provincia torinese: il Criterium d’Inverno, classico trittico di apertura per gli appassionati delle gare a circuito, è ormai all’ultimo atto dopo aver registrato due successi senza precedenti nei primi due sabati di marzo.

Ed è ancora il sole ad accompagnare questo terzo ed ultimo atto del Criterium accogliendo con temperature primaverili i ciclisti in quel di Osasio, dove tutto è pronto per sollevare il sipario.

Tre le partenze previste anche oggi come per tutto il trittico: per primi si schierano in partenza Junior, Senior e Veterani 1, il secondo gruppo raccoglie Veterani 2 e Gentlemen 1 e infine si raggruppano Gentlemen 2, Supergentlemen A e B e Donne, tre gruppi omogenei di circa una cinquantina di partenti ciascuna, ideale per garantire la sicurezza sul percorso grazie all’opera delle sei auto di inizio e fine gara, delle moto di Scorta Tecnica e degli oltre 20 volontari presenti alle intersezioni stradali.

Veniamo alla cronaca della gara: alla fine del primo giro sono in due a prendere il largo Antonio Mostaccioli (Arredamenti Berutti) e Gabriele Griva (PCS) a testa bassa chilometro dopo chilometro mantengono il vantaggio per i restanti 60 chilometri di gara contendendosi poi la vittoria in una lunga volata sul rettilineo di Osasio in cui ha la meglio Mostaccioli.

Una lunga fuga in due è quella che decide la corsa anche tra i Gentlemen 2 e Supergentlemen, dove Guido Ragazzini (Asnaghi Cucine) e Giovanni Fedrigo (Zard Cavallino Rosso) tengono salde le redini della gara che viene vinta da Ragazzini.

Sorte differente vede il gruppo centrale: Gentlemen 1 e Veterani 2 a causa del vento e degli scatti volti a chiudere il tentativo di fuga iniziale spezzano il gruppo trovandosi una fuga di 14 al comando ed il gruppo all’inseguimento. Tutto procede senza sorprese fino all’ultima manciata di chilometri, quando iniziano le scaramucce e i tentativi di allungo per ridurre le possibilità di un arrivo in volata: ci provano Michele Bausardo (Asnaghi Cucine) prima e Bruno Dellerba (Carignano Bike) dopo ma il Team Bike Pancalieri, che nella fuga vanta ben tre ciclisti fa buona guardia e chiude ogni tentativo. Sul rettilineo i fuggitivi si presentano compatti, è Gualtiero Capellino (Team Bike Pancalieri) a lanciare la lunga volata ma Stefano Caporali (Atelier della Bici) lo rimonta e va a tagliare il traguardo a braccia alzate davanti a Giuseppe Testai (Team Santysiak) e Michele Bausardo.

Rientrati presso la bocciofila di Osasio l’attesa per le classifiche è breve e presto iniziano le premiazioni: si inizia dalla premiazione del Criterium d’Inverno Csain con la consegna degli occhiali NRC ai primi 3 classificati di categoria (che vengono consegnati solo ai presenti per rispetto degli organizzatori) e le foto di rito. E poi la premiazione della gara con cesti ai primi tre e borse di prodotti a seguire e foto per tutti.

Un inizio di stagione che racconta della crescita che Csain sta avendo in questo 2019 in Piemonte, 600 sono i ciclisti che hanno preso il via in queste prime gare della stagione con una media che nella provincia torinese si è vista raramente.

 

 

 

Download
Classifica Osasio 16 marzo.pdf
Documento Adobe Acrobat 525.8 KB

Classifica Criterium d'Inverno 2019


CLASSIFICA PER LA CATEGORIA: DEBUTTANTE

POS.

TESSERA

ATLETA

COD.

SOCIETA'

PUNTI GARE


PUNTI
CAMP
IONATO

1

AM826675

DONATI LEONARDO

041TO

TREDICI SCOTT MATERGIA

30

30

30


90


CLASSIFICA PER LE CATEGORIE:  Donne

POS.

TESSERA

ATLETA

COD.

SOCIETA'

PUNTI GARE (PROVVISORI)


PUNTI
CAMP
IONATO

1

7912366

SENSI STEFANIA

01TO008

PROGETTO CICLISMO SANT

27

27

30


84

2

AM828264

PARRACONE ELISA

01CN008

G.S. PASSATORE

30

30

-


60

3

A161794

PRAVATO VIRGINIA

02L4327

TEAM DE ROSA SANTINI

25

-

-


25

4

7950103

SEMERIA LAURA

03IM016

U.C. SANREMO

-

-

10


10


CLASSIFICA PER LA CATEGORIA: JUNIOR

POS.

TESSERA

ATLETA

COD.

SOCIETA'

PUNTI GARE


PUNTI
CAMP
IONATO

1

AM825947

BOCCARDO LORENZO

01TO062

TEAM POIRINESE

20 25 25

70

2

7904777

RAVAGNANI GIANLUCA

01TO008

PROGETTO CICLISMO SANT

25 15 27

67

3

AM834901

RINAUDO MANUEL

01CN029

VIGOR CYCLING TEAM

10 21 20

51

4

AM829457

GIORDANO GIACOMO

009CN

CICLI GIORDANO

30 - 30

60

5

A156121

GASPERIN ALESSIO

01W0163

ESPERIA PIASCO

- 30 21

51

6

79011111

FAGIANO FRANCESCO

00TO062

BARBERO BIKE

10 16 10

36

7

A134259

DISANTO ALESSANDRO

02L4327

TEAM DE ROSA SANTINI

- 18 16

34

8

AM831469

AIMAR STEFANO

243378

ULTRA TEAM

15 17 -

32

9

7946315

GHIRON GIORGIO

01TO030

DOTTA BIKE

27 - -

27

10

7955329

NOCERA ANDREA

01TO018

CUSATIBIKE

- 23 -

23

11

7904205

NEGRO LUCAS

01TO030

DOTTA BIKE

23 - -

23

12

7968602

GASTALDI SIMONE

01CN020

RORACCO

- 20 -

20

13

AM813081

CARAZZATO LUCA

014TO

A.P.D. PESSIONESE

10 10 -

20

14

7903219

VACCHINA NICCOLO'

01TO030

DOTTA BIKE

20 - -

20

15

7902573

PIOTTI LORENZO

01TO030

DOTTA BIKE

18 - -

18

16

7968495

FISSORE DANILO

01CN002

TEAM BIKE PANCALIERI

- - 17

17

17

7924072

TARICCO DENIS

01CN015

TEAM IDEA BICI

17 - -

17

18

7926410

SACCHETTO LORENZO

01CN020

RORACCO

16 - -

16

19

A164391

CARENA MARCO

01C2131

MAGICUNEO

10 - -

10

20

A142271

BARBIERI LORENZO

02H4435

TEAM 2 RUOTE

10 - -

10

21

7934667

RIVETTI ANDREA

01CN001

ARREDAMENTI BERUTTI

10 - -

10


CLASSIFICA PER LA CATEGORIA: SENIOR 1

POS.

TESSERA

ATLETA

COD.

SOCIETA'

PUNTI GARE


SUM

PUNTI
CAMP
IONATO

1

7934539

PACCHIARDO WALTER

01TO001

CIADIT CICLI SUMIN

30

27

25


82

82

2

AM829344

ALTARE DANIEL

01CN008

G.S. PASSATORE

27

23

10


60

60

3

7931288

CARLINI DAVIDE

01CN001

ARREDAMENTI BERUTTI

17

10

10


37

37

4

7969659

MAZZA ANDREA

01CN001

ARREDAMENTI BERUTTI

10

10

16


36

36

5

AM832534

DAN CORNEL VALENTIN

01VC058

LIVORNO FERRARIS

10

10

10


30

30

6

7902627

CARLINI LUCA

01CN001

ARREDAMENTI BERUTTI

10

10

10


30

30

7

A143378

TESTA SIMONE DOMENICO

01D2268

SIXS BOSCARO

10

10

10


30

30

8

7912359

IANNONE FABRIZIO

01TO008

PROGETTO CICLISMO SANT

10

10

10


30

30

9

7939266

GRIVA GABRIELE

01TO008

PROGETTO CICLISMO SANT

-

10

30


40

40

10

7904471

MARCHETTA CARMELO

01CN057

PEDALANDO IN LANGA

21 17 -

38

38

11

7900911

PERA LUCA

01CN002

TEAM BIKE PANCALIERI

-

-

27


27

27

12

AM827684

TALLARICO PIERFRANCESCO

034TO

RODMAN AZIMUT SQUADRA

-

10

10


20

20

13

AM835961

TOGNI FEDERICO

01TO154

REDIL CICLI MATERGIA

-

-

10


10

10

14

7925363

GAGLIARDINI ALESSANDRO

01CN001

ARREDAMENTI BERUTTI

-

-

10


10

10

15

7914410

VIGLIONE LEONARDO

01AL041

SANETTI SPORT

-

30

-


30

30

16

AM828263

DANIELE MARCO

01CN008

G.S. PASSATORE

15

10

-


25

25

17

7954516

CARESIO DAVIDE

01CN057

PEDALANDO IN LANGA

-

25

-


25

25

18

AM828284

ALLOIS DAVIDE

014TO

A.P.D. PESSIONESE

10

10

-


20

20

19

7963158

CAVALLO GIUSEPPE

01AL041

SANETTI SPORT

10

10

-


20

20

20

7970217

ESPOSITO GIUSEPPE

01CN064

ATELIER DELLA BICI

10

10

-


20

20

21

7927843

SPALANZINO MARCO

01TO075

7 CYCLING TEAM

10

10

-


20

20

22

A139133

GASTALDI SIMONE

01R1839

VIGOR REDMOUNT

16

-

-


16

16

23

7905098

CROSETTO MARCO

01CN020

RORACCO

10

-

-


10

10

24

AM825948

MASTROMAURO FEDERICO

01TO062

TEAM POIRINESE